Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di Paolo Borrometi
Dodò. Lui è Domenico Gabriele, per tutti Dodò. Innamorato del calcio, anzi innamoratissimo e appassionato dello studio a scuola. “Un bambino pieno di sogni”, lo raccontano così. Tanti sogni che nessuno, purtroppo, ha potuto veder realizzati.
Dodò aveva solo 11 anni, solo 11. Venne ucciso (“per sbaglio”, si disse) mentre giocava con suo papà, come ogni giovedì, a calcetto. Stava dribblando quando si sentirono dei botti. Dodò cadde a terra, colpito. Tutti corsero a soccorrerlo, il padre gli sollevò la testa, perdeva moltissimo sangue. Poi la corsa in ospedale, da quel momento la vita di Dodò, in coma, sarà appesa ad un filo per tre mesi. Tre lunghi mesi, ma da quel dribbling Dodò non ha potuto più sorridere. Fino al giorno della morte, 11 anni fa oggi, il 20 settembre 2009.
Quei proiettili erano stati esplosi, in un regolamento di conti fra ‘ndranghetisti, contro Gabriele Marrazzo, esponente della mala locale. Ma uno, vagante, colpì Dodò. E da quella maledetta sera (del 25 giugno 2009) anche i suoi sogni. I sogni di un bambino che non c’è più.
Ecco cosa sono le mafie, ricordiamocelo sempre.
Per Dodò e per gli altri bambini uccisi da quelli che si definiscono "uomini d'onore".

Tratto da: facebook.com

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy