Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Bonafede si dimetta"
di AMDuemila
Si è detto "stanco delle solite passe" Luciano Traina, fratello di Claudio, agente di scorta morto insieme a Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Eddie Walter Cosina e Agostino Catalano, nella strage di via D'Amelio che costò la vita anche al giudice Paolo Borsellino. In un'intervista rilasciata nei giorni scorsi all'Adnkronos ha espresso la propria rabbia per questi 28 anni in cui vi sono state "promesse" e "vuote parole a cui non seguono mai fatti".
"Non ho più fiducia in questo Stato, uno Stato che resta sempre in debito verso chi ha dato la propria vita per il Paese", ha detto alla vigilia dell'anniversario la strage di Capaci, che quest'anno, causa coronavirus, non ha visto il solito svolgersi delle commemorazioni.
"Siamo stanchi di subire ingiustizie, stufi di politici che vengono qui, nei luoghi in cui si fa memoria, dove sono morti i nostri familiari, e sfilano con le loro facce tristi come fossero loro le vittime. Seduti in prima fila a favore di telecamere e fotografi, vengono a stringerci la mano e a prenderci per i fondelli. E ora di dire basta a questa ipocrisia" ha detto ancora.
Per Traina, anche lui poliziotto (oggi in pensione) che nel tempo si è occupato anche di indagini sulla mafia e le Brigate rosse, l'ultima "beffa" è stata quella delle scarcerazioni di diversi boss mafiosi:
"Non parliamo di piccoli rapinatori, di ladri di autoradio, ma di uomini che hanno fatto la storia d'Italia all'inverso, di assassini, di stragisti, di persone che si sono macchiate di reati orrendi. E' stato come uccidere i nostri cari una seconda volta". Secondo l'ex poliziotto per questo scandalo il Guardasigilli Alfonso Bonafede dovrebbe "fare un passo indietro, anche in segno di rispetto verso i familiari delle vittime di mafia. Perché non posso credere che il ministro non fosse stato informato". I provvedimenti assunti? "Presi dopo la reazione popolare, dietro l'indignazione generale di un popolo intero". E poi ancora ha ricordato l'incontro con Bonafede in via D'Amelio in occasione del 27esimo anniversario dell'eccidio l'incontro con il capo del dicastero della Giustizia. "Quando sono sceso dal palco, mi ha stretto la mano - ha ricordato - e mi ha invitato al ministero. Da quel giorno non l'ho più visto né sentito…". Ed ha poi aggiunto: "Tutti i ministri della Giustizia che si sono succeduti in questi anni hanno promesso il loro impegno per fare luce sulle stragi ma sono passati 28 anni e queste promesse sono rimaste sempre tali".
Infine ha raccontato del suo impegno rivolto verso i giovani, girando nelle scuole: "Spiego loro cosa significa stare dalla parte giusta, parlo di giustizia e del valore delle Istituzioni, ma a volte mi sembra di prenderli in giro. Parlo di uno Stato che in 28 anni ci ha restituito solo brandelli di verità. Quella piena? Forse non la sapremo mai, perché 'le menti raffinatissime' di cui parlava il giudice Falcone quei segreti se li porteranno nella tomba".

Foto originale © Giancarlo Finessi

ARTICOLI CORRELATI

L'arroganza del potere
di Giorgio Bongiovanni - Video-Intervista

Terremoto Dap: dopo Basentini si dimette anche Giulio Romano, direttore ufficio detenuti

L'offesa all'intelletto
Una (ennesima) vergognosa autodifesa di Bonafede al Senato in mezzo a ricatti bipartisan
di Lorenzo Baldo

Caro Travaglio, sul caso Bonafede non solo fake news
di Giorgio Bongiovanni

Ministro Alfonso Bonafede, prego, andare
di Saverio Lodato

Autonomia e Indipendenza a difesa di Di Matteo
di Aaron Pettinari

Giustizia: si dimette Fulvio Baldi, capo di Gabinetto del ministro Bonafede
di Aaron Pettinari e Karim El Sadi

Ingroia: ''Di Matteo come Falcone e Borsellino''

Carceri, Ingroia: ''Qualche vertice dello Stato ha posto veto su scelta Di Matteo al Dap''

Our Voice: #BonafedeDicaLaVerità

Giorgio Bongiovanni: ''Chi non vuole Di Matteo a lottare contro la mafia?''
L'intervista video del direttore di ANTIMAFIADuemila a ByoBlu

Carceri, l'ex pm Robledo sul caso Di Matteo-Bonafede: ''Legittimo che il ministro cambi idea sul Dap, ma deve spiegarne il motivo''

Ingroia: ''Bonafede non ha ancora spiegato la mancata nomina di Di Matteo al Dap''

Luigi de Magistris: ''Bonafede gravi errori contro Di Matteo''

Francesco Basentini: ecco l'operazione sporca del ministro Bonafede
di Giorgio Bongiovanni

Di Matteo, Bonafede e la nomina al Dap negata ''per lo stop di qualcuno''
di Aaron Pettinari

Giovanni Falcone andò in tutte le TV d'Italia
di Saverio Lodato

Ringraziate Nino Di Matteo. Bonafede vuole riportare dentro i boss
di Saverio Lodato

Chi è sospettato deve dimettersi?
di Vincenzo Musacchio

Io sto sempre con Di Matteo, non cambio idea per opportunismo
di Vincenzo Musacchio

Dagli indizi alle prove e viceversa
di Ugo Lombardi

Di Matteo: ''Bonafede nel 2018 mi propose il Dap. Pronto ad accettare, ma poi vi fu dietrofront''
di Giorgio Bongiovanni ed Aaron Pettinari

Nino Di Matteo non è un magistrato omertoso. Chi ha legalizzato l'evasione dei boss?
di Saverio Lodato

La Trattativa Governo-Detenuti: Nino Di Matteo non ci sta
di Saverio Lodato

Quando a perdere siamo tutti noi
di Lorenzo Baldo

''Question time'' per Alfonso Bonafede
di Giorgio Bongiovanni

Una storia vera in un Paese privo di memoria
di Sandra Amurri

Gaspare Mutolo: ''Scarcerazioni boss? Dimostrazione che la trattativa è ancora in corso''

Sonia Alfano: ''Su quello che ha detto Di Matteo ci metto la mano sul fuoco. Bonafede è un paracadutato''

Lumia su Bonafede: ''Con il no a Di Matteo ha fatto involontariamente regalo alla mafia''

Sebastiano Ardita: ''Di Matteo non ha mai fatto riferimento a pressioni mafiose''

Ingroia: ''Io sono esterrefatto su Bonafede, che su Di Matteo dovrebbe chiarire e poi dimettersi''

Bongiovanni attacca la Mafia-Stato in una difesa storica al pm Di Matteo (Video)

Esclusivo, il Pm Nino Di Matteo: "Fui chiamato a dirigere il Dap, poi il Ministro cambiò idea. I boss non mi volevano" (Video)

Antimafia, Bonafede: ''Boss ai domiciliari sono 256. Nessuna pressione da Napolitano su nomina capo Dap''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy