Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

siciliani giovani noi ridersScarica il Pdf del nuovo numero
da
isiciliani.it
E la fabbrica?
C’è ancora e ce la portia- mo in tasca, non serve più stare in cento dentro un cap- annone perché siamo diecimi- la dentro un’applicazione. “Ma sei libero, puoi scegliere tu quando lavorare”. Immaginate una fila di persone che aspettano davanti a un cancello, tante mani alzate la mattina presto e uno col cappello che fa entrare i primi lì davanti: questo si chiama caporalato!
E il padrone?”.
Il padrone è quello che possiede l’applicazione. Non lo vediamo, ma lui vede noi come tanti puntini sulla mappa: alcuni passano i semafori, fanno le consegne sotto la pioggia e la neve, altri si fermano per sempre come Antonello, Pablo, Artyk, Maurizio. Sono morte persone facendo questo lavoro, colpite da un infarto oppure schiantate contro un SUV.
Ed eravamo preparati, sapevamo che cosa significa lavorare a cottimo, è un’Italia che si vedeva nei film o veniva dalle periferie del Sud, ma ora torna al centro, corre nelle vie delle metropoli, colorata, legale.
Tocca capire in fretta da che parte stare: noi siamo per chi si mette lo zaino e va a lavorare.

Scarica il Pdf: I Siciliani giovani - FOGLIO - maggio 2019
PRECARIATO STANCA: Dopo l’inchiesta sui camerieri precari, un’altra tappa del viaggio dei Siciliani nel mondo della nuova condizione giovanile.

Tratto da: isiciliani.it

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy