Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

ciancimino-massimo-web29di Massimo Ciancimino - 19 ottobre 2014
Ciao Marco, non devi scusarti, solo immaginarlo anche per ironia offende l'intelligenza di chiunque, nella nostra bella Italia purtroppo di politici come mio padre ce ne sono stati e ce ne saranno sempre di più. Si parla solo e sempre di sacco edilizio di Palermo, una ferita ancora aperta.
Chiedo ancora io scusa a tutti i Palermitani e non smetterò mai di farlo. Chi come me riesce a provare un sentimento di vergogna anche verso il proprio padre, non può non provare quei sentimenti di imbarazzo che hai ogni giorno quando per le vie di Palermo alzando gli occhi vedi quegli orrendi cubi di cemento che con tanta forza ed altrettanta illegalità si sono imposti a splendide Ville Liberty , ville forse troppo presto vittime di incendi improvvisamente divampati spesso con placet degli stessi proprietari, il tutto come sempre per ottenere ben prevedibili vantaggi.

I soliti soldi, purtroppo tanti, di speculazioni indecenti che nessuno a mai disdegnato, neppure da quella era la nostra nobiltà, una nobiltà spesso vessata ma sicuramente silente e complice, la società civile, oggi meglio conosciuta come la Palermo bene, la stessa che da figlio di mafioso, mafioso si, ma anche potente, mi ha aperto le porte dei suoi salotti per poi neanche salutarmi per il solo fatto di avere raccontato un meccanismo che in tanti hanno accettato e sul quale tante illecite ricchezze si sono accumulate.
Eppure quel sacco non ha mai fatto morti, solo vittime per orrendi omicidi dettati dalle logiche di spartizione o da non adesione ed assurde estorsioni. Tanti hanno cementato in quegli anni e non solo, e sicuramente è stata una delle più grandi forme di arricchimento nel nostro paese. Ma nulla è cambiato nel tempo, tanti piccoli Ciancimino hanno sventrato la propria terra per un solo fine, il denaro. E pensare caro Marco, scusa per il caro, mi esce dal cuore, mio padre sindaco è stato solo 17 giorni, ma come sai in un paese di pupari e pupi questo conta ben poco. Chi ha costruito intere città, oggi seppur pregiudicato governa insieme al principe di tutti i pupazzi, neanche tutte le correnti della vecchia DC ed il vecchio PSI avrebbero generato simile perfezione di uomo immagine, una simile invenzione la avrebbe invidiata persino Jobs.
Un perfetto pupazzo come Renzi sarebbe stato il sogno di mio padre, troppo perfetto per essere vero, un vero prodotto innovativo, Un Berlusconi piccolo, senza vizi ne amicizie pericolose, perfetto da gestire. Prima, ai tempi della prima e poi seconda repubblica al massimo riuscivano a pisciarci in testa e farci credere che era solo pioggia, oggi hanno superato se stessi, nuovi programmi hanno permesso loro di aggiornarsi, continuano a pisciare facendoci credere che splende il sole, non piove, guardate bene la vostra applicazione oggi c'è uno splendido sole, il resto non conta e frutto della vostra negatività o della nostra immaginazione.
La nuova Dc, il grande centro il sogno di tanti si è avverato, questa volta per fortuna senza stragi, è bastata la semplice paura dettata dalle parole di Grillo talvolta erroneamente riportate per diffondere quel senso di paura nel nostro paese che ha sempre ricollocato il nostro elettorato al suo posto naturale, li dove tutto è iniziato, il centro. il grande centro.
Ho conosciuto Te, ho conosciuto Michele Santoro, conoscevo Sandro Ruotolo. mi avete dato un occasione, l'ho colta, hai sempre seguito la mia vicenda e quella della trattativa con molta passione, diversamente da chi lo avrebbe dovuto fare per dovere istituzionale, siete bravi insieme, lo potete essere ancora, Molti di noi possono avere serate no, riprendete da dove avete iniziato.
Siete bravi, siete unici, in una televisione sempre più piatta e sempre di più a senso unico il vostro ruolo è fondamentale.
Non fate il gioco di chi da anni vuole silenziarvi. Grazie, scusa il disturbo

Massimo Ciancimino
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy