Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Quarantatrè anni, ma più passa il tempo più il vuoto di Peppino si fa sentire. Un vuoto umano e sociale, che abbiamo cercato di colmare con l'impegno nel nome suo e di mamma Felicia. Ma un vuoto anche culturale. Si', perché Peppino e' stato uno dei primi a capire la necessita' di uno sguardo "meticcio", capace di collegare la sfera etica, estetica e politica per ricavarne sintesi innovative". Ha scritto così Don Luigi Ciotti, presidente di Libera, in occasione del 43esimo anniversario dell'uccisione di Peppino Impastato. "Uno sguardo - ha aggiunto - che sapesse collocare il fenomeno mafioso in un più ampio orizzonte di decadenza culturale, di perdita di senso del Bello, del Vero, del Giusto. Sguardo capace dunque di provocare coscienze addormentate o addomesticate - dunque indirettamente complici - per richiamarle a un impegno che non può essere considerato un "optional" essendo la spina dorsale della cittadinanza democratica. Non si può essere democratici a intermittenza o solo quando torna comodo: la democrazia e' una responsabilità a tempo pieno, una responsabilità che solo cosi' diventa esercizio di libertà. Oggi lo sguardo trasversale di Peppino, la sua capacità di cogliere le connessioni dove altri vedono divisioni e opposizioni, ci sarebbe molto utile per uscire da una crisi che nasce anche dagli sguardi miopi o settoriali di molta politica ed economia, sguardi incapaci, come dice Papa Francesco, non solo di progettare ma di concepire un vero cambiamento. Sono certo che oggi Peppino non si stancherebbe di evidenziare la sostanziale differenza tra cambiamento e adattamento. L'adattamento è una risorsa di fronte ad avversità indipendenti dalla nostra volontà. Ma le ingiustizie, la corruzione e le mafie non sono fenomeni naturali, sono mali sociali frutto di nostre azioni e omissioni. Mali - ha concluso don Ciotti - che richiedono quel cambiamento profondo, interiore e sociale al tempo stesso, di cui tutta la vita di Peppino è stata testimone".

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy