Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il nuovo appello. Il silenzio continua a regnare intorno alla sua vicenda

"Si ricordano giustamente le vittime di mafia, ma si dimenticano le vittime di mafia a Palermo che sono vive. Morte per le istituzioni". Non trova una soluazione la vicenda di Bennardo Raimondi, vittima di mafia. Continuano i suoi appelli alle istituzioni. Ma il silenzio continua a regnare intorno alla sua vicenda. "Non si possono dimenticare 45 anni di lavoro - spiega l'uomo -, fatti con amore, passione, arte. Non è giusto che un artigiano, un artista venga abbandonato a se stesso solo perche ha fatto il suo dovere. Oggi le istituzioni non rispondono alle email ma verrà un giorno che saremo tutti giudicati per quello che veramente abbiamo fatto e non per le promesse vane. La mia vita è precaria. Mi sono ridotto anche a camminare con il bastone. Tutta questa indifferenza, tutti questi problemi mi hanno ucciso internamente. Vorrei tanto fare qualcosa per il futuro della mia famiglia. Riuscire prima che la mia vita abbia fine per dargli il giusto merito e dignità. Chissà se ci riusciro, ho moltissima merce. Ma a che serve?".
(26 Marzo 2021)

Tratto da: wordnews.it

Foto © Emanuele Di Stefano

ARTICOLI CORRELATI

Appello di Bennardo Raimondi: ''Le istituzioni non dimentichino chi ha denuncia''

Raimondi, vittima dell'usura e della ''mafiosità'' sociale

Bennardo Mario Raimondi: il riscatto di una vita attraverso l'arte

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy