Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sentenza di condanna definitiva per Miroslav Marcek, uno dei killer materiali del giornalista slovacco Jan Kuciak, ucciso con la fidanzata Martina Kusnirova nel febbraio 2018. La Corte suprema ha reso più severa la condanna precedentemente decisa dal tribunale speciale per la criminalità organizzata di Pezinok, portandola ai 25 anni dai precedenti 23. La sentenza non è più appellabile. Il condannato, reo confesso, è però considerato dagli attivisti e dalle organizzazioni per la libertà di espressione solo l’ultimo anello di una catena, una sorta di capro espiatorio dietro il quale si nascondono ben altri mandanti non ancora assicurati alla giustizia.

Lo scorso settembre, infatti, il tribunale ha mandato assolto l’oligarca Marian Kocner accusato di essere stato il mandante dell’omicidio, con un verdetto che contraddiceva le testimonianze degli esecutori del delitto.

Jan Kuciac, prima di essere ucciso, indagava proprio su Kocner, accusato con prove proprio da Jan di malversazione e frodi sui fondi dell’Unione europea e personaggio molto vicino al premier sovranista di allora, Robert Fico. Le inchieste di Kuciak avevano evidenziato anche legami con la 'Ndrangheta calabrese e con i criminali che fecero assassinare Daphne Caruana Galizia. In settembre, la Federazione europea dei giornalisti parlò di sentenza scandalosa , che uccideva due volte Jan e Martina. Oggi, la condanna definitiva dell’esecutore materiale non pone certo rimedio a questa situazione e lascia la morte di Kuciak ancora priva di giustizia e verità.

Tratto da: articolo21.org

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy