Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sessant'anni dall'omicidio delle sorelle Mirabal, simbolo della ribellione alla dittatura di Trujillo.

Tra il 1930 e il 1961 la Repubblica Dominicana vive una terribile e sanguinosa dittatura nella quale vengono uccise migliaia di persone tra cui haitiani, intellettuali, giornalisti e chiunque non andasse bene al regime del dittatore Rafael Leónidas Molina Trujillo.
A ribellarsi al dittatore è una giovane intellettuale, Minerva Mirabal il 13 ottobre 1949, quando ad una festa, avvicinata dal dittatore per la sua bellezza, gli manifesta il suo dissenso.
Di lì a poco inizia la persecuzione contro Minerva e la famiglia Mirabal, il padre viene incarcerato più volte ed alla famiglia vengono sequestrati i beni. Anche Minerva ed una sorella passano dei periodi in carcere ma non si fermano e continuano la loro rivoluzione con il nome di “Las mariposas”, divenendo un simbolo contro la dittatura e la violenza di Trujillo.
A gennaio del 1960 Minerva tiene a casa sua la riunione da cui nascerà l’organizzazione clandestina rivoluzionaria Movimento del 14 giugno contro il regime.
L'azione rivoluzionaria si fa sempre più forte e il Dittatore esclama: “Ho solo due problemi: la Chiesa cattolica e le sorelle Mirabal”. E così il 25 novembre del 1960 mentre le tre sorelle si recano a trovare i mariti in carcere cadono in un imboscata. Assieme all’autista vengono prese, torturate ed uccise dai militari del dittatore Turijllo che poi cercheranno di far passare l’accaduto per un incidente automobilistico, gettando l’auto su un burrone con i corpi dentro.
Il loro omicidio viene però svelato e muove un’indignazione popolare che porterà all’assassinio di Trujillo e alla fine della dittatura.
L’unica sorella sopravvissuta, la quarta, Dedè Mirabal ricorda così la rivoluzione de “Las mariposas”: "Durante un’epoca di predominio dei valori tradizionalmente maschili di violenza, repressione e forza bruta, dove la dittatura non era altro se non l’iperbole del maschilismo, in questo mondo maschilista si erse Minerva per dimostrare fino a che punto ed in quale misura il femminile è una forma di dissidenza".
Il 25 novembre del 1981 avvenne il primo “Incontro Internazionale Femminista delle donne latinoamericane e caraibiche” e da quel momento il 25 novembre è stato riconosciuto come data simbolo. Nel 1999 è stato istituzionalizzato anche dall’Onu.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy