Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di Giorgio Balzoni
Quel 16 marzo sono arrivato a via Fani pochi minuti dopo l’attentato. Gli uomini della scorta non erano ancora stati pietosamente coperti. Ho riconosciuto immediatamente il mio amico Oreste Leonardi e l’autista Domenico Ricci. Erano gli uomini con cui, all’università, avevamo più modo di chiacchierare. Personaggi straordinari che nutrivano per Moro un vero e proprio amore. Uomini giustamente orgogliosissimi del loro lavoro si ritenevano,a ragione, pezzi delle istituzioni. Una vita di sacrificio profondo:basti pensare che Leonardi e Ricci si trovavano ogni mattina almeno un’ora prima dell’appuntamento con Moro e ogni sera si ritiravano almeno un’ora dopo aver lasciato lo statista a casa. Eppure mai una volta li ho sentiti lamentarsi. Solo Leonardi quando ci ritrovavamo una volta al mese al Civis per le conferenze del Professore, alle due di notte - al momento di lasciarci e qualcuno pensava di continuare il dialogo con Moro - ci avvertiva simpaticamente: “Lasciateci andare altrimenti sparo”. Accanto a loro, quella mattina, c’erano altri servitori dello stato: Raffaele Iozzino, Giulio Rivera, Francesco Zizzi. Sono nomi che dovrebbero essere stampati nella nostra memoria e in quella di tutto il Paese. Invece Conosciamo ormai troppo le ragioni dei killer e troppo poco quelle delle vittime. Forse è venuto il momento di una riflessione: informazione è anche (soprattutto?) memoria.

Tratto da: articolo21.org

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Strage di via Fani: Aldo Moro e le verità indicibili

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy