Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

da articolo21.org
E’ stata rafforzata la protezione a Sandro Ruotolo, il giornalista che dal 2015 vive sotto scorta perché minacciato da Michele Zagaria, il potente e feroce boss del clan dei casalesi, che lo voleva “squartare”. Il Presidente dei cronisti della Campania è arrivato agli appuntamenti del Festival Imbavagliati a Napoli a bordo di un’auto blindata, la prova che per Ruotolo muoversi nel territorio in cui continua a fare inchieste sul traffico dei rifiuti e sugli affari sporchi della camorra è diventato più pericoloso di prima. E pensare che appena a febbraio scorso l’allora Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, aveva sollevato subbi sulle scorte ai giornalisti e, addirittura, proprio su Sandro Ruotolo si era ipotizzato di togliere la misura di protezione. La dimostrazione della scarsissima conoscenza di un’area geografica complicatissima e martoriata, dove i casalesi non hanno allentato la morsa, anzi alcuni componenti del sodalizio sono usciti o stanno per uscire dal carcere e ciò aumenta i rischi per i giornalisti che per raccontare la storia di quel comprensorio devono girarlo ogni giorno. La Federazione nazionale della Stampa e il Sindacato Unitario dei giornalisti della Campania sottolineano in una nota che questo “è un segnale preoccupante che indica come i clan non abbiano allentato la presa sul territorio. Sono ben quattro i giornalisti sotto scorta armata per le intimidazioni dei Casalesi”.

“La recrudescenza delle minacce riguarda anche altri cronisti, non solo a Caserta e in Campania, ma in tutta Italia. Basti pensare alle reiterate minacce che dal carcere arrivano a Paolo Borrometi. Chiederemo un incontro urgente al ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, per la riattivazione del comitato per la sicurezza dei giornalisti che non è stato più convocato durante il precedente governo”, hanno scritto in una nota diffusa in queste ore il segretario e il presidente della FNSI, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, e il segretario del SUGC, Claudio Silvestri.

E intanto sono moltissimi i messaggi di solidarietà che stanno arrivando a Ruotolo. Articolo 21 ribadisce la necessità di accendere i riflettori sui territorio tuttora condizionati dai casalesi con articoli e reportage di altre testate e altri giornalisti. Anche noi, in tal modo, rafforziamo la scorta a Sandro Ruotolo.

Tratto da: articolo21.org

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Nuove minacce al giornalista Sandro Ruotolo: rafforzata la scorta

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy