Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

prog ddolci cesie evento finaledi Roberta Zito

Il mese di luglio porta con sè il caldo, la fine degli esami di Stato e la voglia di andare in vacanza, ma allo stesso tempo porta con sè il ricordo di quel maledetto 19 luglio in cui venticinque anni fa Paolo Borsellino e gli uomini della scorta persero la vita. 
Nel giorno del venticinquesimo anniversario dalla scomparsa del magistrato, a noi giovani hanno molto colpito le parole di Lucia Borsellino che ha denunciato l'immobilità dello stato e la mancanza di verità e giustizia. 
Proprio in questi giorni a noi ragazzi del progetto legalità del liceo Danilo Dolci è stata data la possibilità di partecipare all'evento conclusivo organizzato dal Cesie presso l'associazione “Quarto Tempo” guidati con passione da Letizia, Carmelo e Giovanni. 
Il progetto “Gem” è un gioco a cui abbiamo già partecipato durante l'anno scolastico e che ha la finalità di creare un legame interculturale, senza pregiudizi e barriere tra i paesi che hanno aderito all'iniziativa: Italia, Francia, Palestina ed Egitto. Il gioco è stato realizzato contemporaneamente in questi paesi e oggi alcuni dei loro rappresentanti hanno raccontato le gioie, le emozioni e le ricadute culturali che questa esperienza ha prodotto in ciascuno di loro. 
Mi ha molto colpita vedere crollare pregiudizi e stereotipi che spesso accompagnano il cammino di paesi diversi. In un disegno che ci hanno illustrato Carmelo e Giovanni, i paesi stranieri vedevano noi italiani come quelli che “mangiano solo la pasta e la pizza e vedevano nell'immagine di una pistola la metafora della mafia”. 
Per me e per tutti i miei compagni è stato significativo conoscere altre culture, vivere il messaggio educativo di Danilo Dolci, in quanto il Cesie si rifà ai principi di Danilo Dolci e conoscere luoghi a Palermo che sembrano essere oasi di legalità e giustizia. 
Vorrei rivolgermi direttamente  a Lucia Borsellino e a tutte quelle persone che in questa città hanno fame e desiderio di verità e giustizia. Vorrei dire a tutti loro che da Brancaccio, dal CESIE e da “Quarto Tempo” parte un messaggio di speranza in quanto in un'afosa giornata di luglio, in piena vacanza più di 20 ragazzi di Brancaccio hanno prima ricordato il 19 luglio e poi partecipando a questo incontro e a tutti quelli precedentemente organizzai con il progetto Legalità abbiamo sentito di contrastare questo mare di illegalità con dei piccoli gesti che tanto sarebbero piaciuti a Paolo Borsellino e a tutte le persone  che cercano di vivere ogni giorno la legalità.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy