Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

falcone-benedizione-feretro-traslazionedi Pippo Giordano - 3 giugno 2015
Sono un eterno sognatore. S'era incuneata nella mia mente l'idea che potesse sopravvenire un ravvedimento, circa l'inopportunità di dividere il dottor Giovanni Falcone da sua moglie Francesca Morvillo. Ma, la firma del sindaco Orlando sull'autorizzazione alla traslazione della salma del dottor Giovanni Falcone, mi ha fatto comprendere, ahimè, che non bisogna mai sognare. Oggi, 3 giugno 2015 sono triste, perchè la traslazione è già avvenuta. Metto fine a qualsiasi riferimento, dico solo che non lo trovo giusto. L'ho detto a voce alla professoressa Maria Falcone e l'ho scritto tante volte, che la decisione attiene alla famiglia, ma ciò non toglie che in ragione del mio intimo convincimento, io non possa dissentire: dissento eccome! E con l'occasione vorrei far rilevare ai tanti che si ergono quali unici detentori di un presunto copyright del dottor Falcone, che l'ho conosciuto “'nticchia” (poco) e quindi ho ben donde di ricordarlo quando e come voglio e sono, parimenti, triste per l'avvenuta traslazione. Traslazione che poteva in parte essere mitigata, se insieme al dottor Falcone, si fosse traslata la salma di sua moglie Francesca Morvillo. Pertanto, rimarco il mio diritto di espressione e al solo fine di far comprendere a coloro, che spesso veleggiano sul mare tempestoso dell'idiozia, che il dottor Giovanni Falcone appartiene a TUTTI GLI ITALIANI.

Detto questo, esprimo con amarezza e disappunto la decisione di traslare la salma, per tre motivi. Il primo è, che trovo iniquo identificare nell'attività del magistrato Falcone come l'unico referente in grado di poter essere tumulato nella Chiesa di San Domenico. Vorrei ricordare a tutti che sono tanti i magistrati siciliani che hanno perso la vita per mano violenta di Cosa nostra. Per esempio, il Consigliere istruttore, Rocco Chinnici - Padre del pool antimafia - che non divenne “famoso” a causa della sua prematura morte violenta. Potrei citarne altri, come il “giudice ragazzino” Rosario Livatino. In sostanza, la decisione di traslare solo la salma di Giovanni Falcone nella chiesa di San Domenico, a mio parere stabilisce una sorta di classificazione delle vittime di mafia. Non me ne vogliano i familiari del magistrato Giovanni Falcone, ma l'univocità della traslazione rappresenta una “graduatoria di merito”. Il secondo motivo è, che la cappella dell'attuale dimora di Giovanni Falcone, rappresentava il luogo laico di raccoglimento e preghiera, ove tutti potevano onorare la sua memoria e quella della moglie. Il terzo e ultimo, che mi colpisce ancor di più è pensare che, seppure legittimati da decisioni familiari, siamo promotori nel dividere due persone che in vita si sono amati all'unisono e sono morti l'uno accanto all'altra. Non trovo giusto che Francesca Morvillo sia stata divisa dal marito. E per favore non venitemi a raccontare che sono già uniti in cielo. So soltanto, che quando mi recherò nella cappella del cimitero di Santo Spirito, non troverò più il magistrato Giovanni Falcone. Ed ora mi taccio, con la tristezza cala il silenzio.

In foto: la benedizione del feretro di Giovanni Falcone

Ti potrebbe interessare...

Ricordando Danilo Dolci

Con gli occhi di Letizia Battaglia

Vuoi andare a mare? Basta pagare…

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos