Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

E’ morto all’età di 97 anni Nunzio Tocco (in foto). L’episodio per il quale a Terrasini tutti lo guardavano con rispetto, avvenne verso la metà degli anni ’40 , quando il boss Gaetano Badalamenti era ancora agli inizi della sua carriera e si dedicava al suo lavoro di vaccaro.  Un giorno, mentre si trovavano a lavorare in campagna,  Tano si mise a  prendere in giro il cognato di Tocco, Giovanni Vitale, un uomo di bassa statura e all’apparenza fragile. Badalamenti lo sfotteva per la sua  struttura fisica, provocandolo in attesa di una reazione.  Vicino a loro, c’era il cognato di Vitale, Nunzio Tocco,  un uomo con una struttura fisica possente, con qualche anno in meno rispetto al boss, ma che, senza alcun timore lo sollevò da terra e gli diede un paio di pugni ben assestati, dicendogli: “Se hai coraggio dille a me le cose che stai dicendo a mio cognato”. I presenti rimasero stupiti e pensarono che forse Tocco ignorasse l’appartenenza di Badalamenti, che già si dava atteggiamenti di malandrino. Invece egli lo conosceva bene e volle dimostrargli che non aveva paura di lui. Da allora comunque, si dice che, grazie ai buoni uffici del padrone del terreno, Tocco non venne mai più disturbato . Ha vissuto quasi vent’anni in più del boss ed è morto serenamente nel suo letto.

Ti potrebbe interessare...

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos