Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

È la domanda che dovremmo farci oggi, in occasione della giornata mondiale per la libertà di stampa. C’è chi, per quella “colpa” è morto. E poi infangato, mascariato. Perché persino la memoria doveva essere dannata. È il caso di tanti, troppi.
Tra questi c’è certamente Peppino Impastato. Lui che ha infiammato tante generazioni, sin da subito però fu definito come un “terrorista”. E non (solo) da chi ne voleva rovinare l’immagine, da quel “Tano seduto” (alias il capomafia di Cinisi, Tano Badalamenti) che chiaramente ne aveva interesse. Fosse stato lui sarebbe stato un criminale, ma senza traditori.
Ed invece no. I traditori ci furono anche in questo caso. Traditori, troppi. Pezzi infedeli dello stato (con la “s” minuscola) che avrebbero dovuto fare giustizia, dare giustizia alla famiglia di Peppino, alla madre Felicia, al fratello Giovanni, ai suoi amici. Ma niente. No, nulla di tutto questo.
Nel mio libro (Traditori, appunto!) racconto (anche) la storia di Peppino perché – come leggerete se vorrete - si intreccia con quella del presidente Aldo Moro e non solo nella sconcertante concomitanza: quella del 9 maggio 1978. In quel giorno Moro e Impastato furono fatti ritrovare morti.


i traditori borrometi


Di Impastato si disse che fosse un terrorista, si simulò un attentato terroristico. Si fece di tutto per distruggerne l’immagine.
Depistaggi, fango. Tutto quello che serviva, durante e dopo, per dimostrare che la vittima (Peppino) fosse un delinquente.
Se oggi c’è giustizia e verità è merito (innanzitutto) della madre Felicia, della sua famiglia e dei suoi amici e compagni.
Per Peppino, per Giovanni Spampinato, per Giancarlo Siani, per Pippo Fava, Cosimo Cristina, Mauro De Mauro, Mario Francese, Mauro Rostagno. Ma anche per Ilaria Alpi e Milan Hrovatin, Giulio Regeni, Andy Rocchelli, Italo Toni e Graziella De Palo. Loro, morti senza giustizia.
Per tutte le giornaliste di ieri e di oggi che raccontano e ci rendono liberi.
“Perché la libertà è come l’aria: ci si accorge di quanto vale quando comincia a mancare”. 

Tratto da: facebook.com

Foto © Imagoeconomica

Ti potrebbe interessare...

Parole come pietre

Giornata dell'Ingiustizia

L'umanità tra progresso e regresso

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos