Non c’erano molte speranze che l’udienza odierna del processo a Patrick Zaki terminasse in modo diverso da un rinvio.

È necessario rendersi conto che Patrick sta di fatto scontando una condanna senza essere mai stato condannato: 22 mesi di detenzione preventiva più nove di procedimento giudiziario e, come abbiamo appreso oggi, altri ancora fino almeno al 29 novembre. Il tutto per un “reato kafkiano” di diffusione di notizie false per aver scritto il vero, sulla discriminazione subita dai copti, la minoranza religiosa cui appartiene.

Nel frattempo, l’attenzione sulla vicenda di Patrick cala e, nel passaggio tra un governo uscente e uno entrante, è difficile immaginare che da palazzo Chigi o dalla Farnesina ci saranno sviluppi. Come sempre, toccherà all’attivismo e alla società civile continuare a esercitare pressioni e organizzare mobilitazioni e al buon giornalismo rilanciarle.

Tratto da: articolo21.org

Foto © Egyptian Initiative for Personal Rights

ARTICOLI CORRELATI

Patrick Zaki scarcerato abbraccia la famiglia e l'Italia: 'Tutto bene, grazie a tutti''

Patrick Zaki uscirà dal carcere

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy