Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Grande partecipazione di popolo alle manifestazioni che tante forze politiche, a cominciare da Azione Civile, hanno organizzato in 22 piazze d'Italia. Uniti in nome della costituzione, della pace, della legalità e del lavoro contro questo governo Draghi e la maggioranza che lo sostiene che viola i principi costituzionali sacrosanti, dall'articolo 11 che ripudia la guerra al principio di eguaglianza dell'articolo 3". Sono state queste le parole del leader di Azione Civile, Antonio Ingroia. "Siamo in guerra senza che i cittadini siano stati mai consultati", ha aggiunto specificando che nella riforma Cartabia è contenuta una norma "contra personam, contro Nino Di Matteo, che gli impedirà, al contrario di tutti gli altri magistrati, di candidarsi in politica. Una norma palesemente incostituzionale che ha lo scopo di punire un magistrato che ha l'unica colpa di avere smascherato la trattativa fra lo Stato e gli stragisti della mafia, gli assassini di Falcone e Borsellino. Chi ha paura che si parli ancora di trattativa Stato-mafia lancia un messaggio devastante contro Nino Di Matteo, sovraesponendolo ancora una volta. Perciò Azione Civile ha denunciato questa vergogna e le piazze d'Italia hanno risposto esprimendo tutte piena solidarietà ad un magistrato coraggioso come Di Matteo".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Nella legge Cartabia norme ''contra personam'', intervenga la Corte Costituzionale

Il ''tradimento di Giuda'' del Movimento Cinque Stelle

Riforma del Csm e ordinamento giudiziario: allarme di Di Matteo e Ardita al Senato

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy