Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

In attesa delle celebrazioni del 23 maggio, come ogni anno ormai, pochi italiani penso possano essere soddisfatti di come Giovanni Falcone sia ricordato e soprattutto sia rispettato. Si celebra il giorno della strage di Capaci, quasi come un atto dovuto. Poi i restanti 364 giorni tutto torna nell’apatia e nel dimenticatoio così come accadeva quando Falcone era in vita: isolato e osteggiato. Non riesco a sopportare l'idea di dover ricordare Falcone superficialmente, quasi in maniera sterile. Credo in questa circostanza non si debba avere paura di dire ciò che si pensa. Insomma, avere il coraggio delle proprie idee e manifestarle anche se non piacciono. Non rispetterei le vittime di mafia se non dicessi ciò che penso nel profondo del mio cuore. Mi lusinga anche il fatto che questo che sto scrivendo possa non piacere o addirittura non essere pubblicato. Sono sicuro che ogni volta che chi ricopra ruoli rivolti al bene comune non faccia il proprio dovere e violi la legge non abbia titolo e diritto di partecipare al ricordo, a quello vero, a quello profondo e sincero. Chi fa della sua carriera uno strumento di potere invece che una funzione al servizio del cittadino non è degno di celebrare Falcone e tantomeno tutte le vittime di mafia. Se potesse parlare, credo che abiurerebbe la coscienza ipocrita di chi oggi lo onora e ieri lo infangava. In vita al magistrato di Palermo furono sbattute in faccia tante porte e tante altre gli furono chiuse. Falcone è disonorato ogni volta dal complice silenzio di chi si allea con i mafiosi, dal voto di scambio, dalle tante ingiustizie, dalla predominante indifferenza che attanaglia l’attuale società civile. Credo che il modo migliore per dire no alle mafie sia quello di alzare in alto il vessillo della legalità nella speranza che le nuove generazioni ne facciano la loro ragione di vita. Non dimentichiamoci che la criminalità organizzata mette le sue radici negli spazi vuoti lasciati proprio dalla mancanza di legalità e di giustizia sociale. Falcone, negli ultimi mesi di vita, temeva che la magistratura tornasse alla vecchia routine: “i mafiosi che fanno il loro mestiere da un lato, i magistrati che fanno più o meno bene il loro dall’altro, e alla resa dei conti, palpabile, l’inefficienza dello Stato”. Noi tutti insieme possiamo e dobbiamo evitare che questo accada. Come era solito dire lui, per evitare che questo accada è sufficiente che ognuno di noi faccia semplicemente il proprio dovere!

ARTICOLI CORRELATI

Giovanni Falcone. E il capo di Michele Santoro cosparso di cenere

di Saverio Lodato

Chi ha ucciso Giovanni Falcone
di Giorgio Bongiovanni


Strage di Capaci, Di Matteo: ''Necessaria lotta a sistemi criminali integrati''

Strage di Capaci: tra pretesa di verità e ipocrisia
di Lorenzo Baldo

Capaci, Falcone e l'importanza di un'''intelligenza collettiva''
In occasione del 29° anniversario della strage una webinar con Stefania Limiti, Alfredo Morvillo e Brizio Montinaro

Luca Tescaroli: nel biennio 1992-1994 si sfiorò il colpo di Stato in Italia

Memoria Capaci, Mattarella: ''Mafia esiste ancora. O si sta contro o si è complici''

Ti potrebbe interessare...

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy