Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

L’attuale emergenza Covid ci impegna e tiene lontano dalla manifestazione che oggi hai organizzato e per la quale ti ringrazio. Ma ci siamo.
La paventata abrogazione dell’ergastolo ostativo ci preoccupa e amareggia. Abbiamo sentito di tutto riguardo a questo provvedimento, ma molta poca verità.
La legislazione antimafia di cui si è dotato il nostro Paese è la più ricca e la più efficiente d’Europa. Ogni singolo provvedimento, dalla “Rognoni-La Torre” in poi, è figlio di una strage o di un eccidio in cui sono cadute Donne e Uomini dello Stato, quello con la “S” maiuscola, quello contrastato, oltre che dalla criminalità in ogni sua forma, dallo stato con la “s” minuscola, dove si annida il malaffare e la collusione, che spesso, ma non sempre, vengono stanati.
Il sistema di leggi che ci consente di contrastare la Mafia si estende dal 416 bis, reato di associazione mafiosa che punisce già la mera appartenenza, al 41 bis ( il cosiddetto carcere duro) e all’ergastolo ostativo, che sono e rimangono una sorta di continuum di strumenti di contrasto alla criminalità organizzata.
Nel resto dell’Europa mancano misure così forti che consentono l’aggressione a Cosa Nostra. Ci sorprendono e ci addolorano profondamente le affermazioni che sentiamo circolare in questi giorni. Precisiamo una volta per tutte che il carcere duro e l’ergastolo ostativo non sono accanimenti punitivi, non sono “vendette” di Stato, sono piuttosto mezzi di contrasto e lotta, strumenti utili a limitare il potere dell’antistato, impedendo agli appartenenti alle organizzazioni criminali di poter continuare a impartire ordini e/o spingendoli a collaborare.
Le conquiste legislative in tema di contrasto a Cosa Nostra, specie perché irrorare anche del sangue dei nostri fratelli in uniforme, non si toccano. Non li ucciderete un’altra volta!

ARTICOLI CORRELATI

Margherita Asta: ''Il mafioso deve collaborare, deve contribuire a scrivere la verità''

Leonardo Agueci: ''L'attenuazione del trattamento carcerario è sempre stato il principale obiettivo della mafia''

SIT IN -> Nessun patto. Carceri e non solo - Palermo, 2 Aprile

Ministra Cartabia, la cella ai mafiosi la apra lei! - di Saverio Lodato

Di Matteo: ''Lotta alla mafia non è in cima all'agenda politica dei governi''

Maria Falcone: ''Errore modificare ergastolo per boss''

Davigo: ''Quanto efficace difesa dell'Italia davanti alla corte di Strasburgo?''

Ergastolo ostativo, Borsellino: ''Stanno per dare il colpo di grazia a mio fratello e a Falcone''

Giarrusso: ''Difendiamo l'ergastolo ostativo per i mafiosi''

Libertà condizionale ai boss, l'ira di Morra, Giarrusso e Di Battista contro il governo

Ergastolo ostativo, non vorrei essere nei panni di un magistrato di sorveglianza

Ergastolo ostativo, Maresca: "Così si distrugge impianto contro boss"


''Mafia in Nove Atti'': carcere ostativo e 41 bis sotto attacco

Guai se depotenziano l'ergastolo ai mafiosi

Ergastolo ostativo, Aiello: ''Indignata per decisione Avvocatura. Rischiamo di accogliere le richieste di Riina''

La Consulta decide sull'ergastolo ostativo: così brinda la mafia

Ergastolo e 41 bis: tra permessi premio e svuotamenti la mafia spera

Una ''dissociazione'' per la libertà, la strategia del boss Filippo Graviano

Il neo-ministro Cartabia e quella allarmante pronuncia della Consulta su ergastolo ostativo

Eliminare l'ergastolo ostativo significa arrendersi alla mafia

Ergastolo ostativo, la Cedu rigetta il ricorso dell'Italia

La Corte Ue e l'ergastolo ostativo: a rischio anche il 41 bis

Ergastolo ostativo, Caselli: ''Resti 41 bis, evitiamo che mafiosi riprendano armi''

La decisione della Corte europea che rischia di far felici mafiosi e terroristi

Sebastiano Ardita: ''L'abolizione dell'ergastolo ostativo significherebbe il ritorno dei boss irriducibili''

Grillo: caduta, inganno e tradimento del padre dei Cinque Stelle

L'arroganza del potere
Il fallimento nella lotta alla mafia del ministro Bonafede


E la mafia?

Ti potrebbe interessare...

Chi ha ordinato di uccidere Pablo Medina?

Amaru Lucano

Riconoscersi

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy