Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

In un momento in cui è importante tenere alta la guardia contro la mafia è opportuno ricordare cosa pensava Antonino Caponnetto riguardo al carcere duro dei mafiosi, il famoso 41 bis.
"Tagliare ogni legame, ogni possibilità di mantenere i contatti tra i boss e la propria famiglia, questo è l'art. 41 bis. Perchè prima d'ora questi delinquenti all'Ucciardone, neanche passavano dalle celle, non ci passavano proprio, entravano ed andavano dritti in infermeria tutti quanti. Pigiami di lusso, rolex d'oro al braccio, pasti ordinati presso i migliori ristoranti... innaffiati con lo champagne. Questa era la vita dei boss mafiosi... addirittura lì dentro la notte si tenevano riunioni... Ecco perché l'art 41bis aveva ed ha una sua ragion d'essere".

Ti potrebbe interessare...

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy