Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La lezione di Pippo Fava ucciso il 5 gennaio 1984

Un giornalista incapace - per vigliaccheria o calcolo - della verità si porta sulla coscienza tutti i dolori umani che avrebbe potuto evitare, e le sofferenze, le sopraffazioni, le corruzioni, le violenze che non è stato capace di combattere. Il suo stesso fallimento!” In questa constatazione c’è Pippo Fava e il suo giornalismo d’inchiesta. Dopo di lui che fine ha fatto la verità nel giornalismo contemporaneo? C’è un Pippo Fava oggi degno del suo giornalismo? Eppure lui il testamento spirituale l’ha lasciato: “Io ho un concetto etico del giornalismo. Ritengo, infatti, che in una società democratica e libera quale dovrebbe essere quella italiana, il giornalismo rappresenti la forza essenziale della società. Un giornalismo fatto di verità impedisce molte corruzioni, frena la violenza e la criminalità, accelera le opere pubbliche indispensabili. pretende il funzionamento dei servizi sociali. Tiene continuamente allerta le forze dell’ordine, sollecita la costante attenzione della giustizia, impone ai politici il buon governo”. In questa riflessione c’è il testimone consegnato a chi sarebbe venuto dopo di lui. Ha indicato la sola strada che si dovrebbe percorrere: denunciare i mali che affliggono la società attraverso la verità anche quando questa è scomoda o pericolosa. Questo credo che albergasse nel suo cuore e nella sua mente quando scriveva e quando parlava.

Non dimentichiamoci mai che tra le funzioni della stampa vi è anche quella di informare il cittadino affinché possa esercitare consciamente la sua sovranità. Oggi avremmo tanto bisogno di lui e della sua penna libera e indipendente che faceva da guardiano al potere provando a impedire di portare alla rovina, al decadimento definitivo l’Italia. In una nazione democratica e libera come dovrebbe essere la nostra, il suo giornalismo avrebbe rappresentato uno degli elementi fondanti della società civile libera e onesta. Il giornalismo vero è come l’aria che respiriamo, sana o inquinata in base a come il giornalista decida di divulgare una notizia e di conseguenza informare i cittadini. Caro Pippo Fava ci manchi e ci manca il tuo giornalismo puro e veritiero.

Tratto da: articolo21.org

Ti potrebbe interessare...

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy