Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di Ugo Lombardi
I sospetti per primi, poi la ricerca degli indizi, quindi le indagini, le prove. Se ritenute sufficienti, dovrebbe poi, far seguito un processo, quindi una sentenza. Le tappe sinteticamente accennate, sono quelle di un normale percorso processuale, alla ricerca di una verità, come sempre oggetto di controversia. Una prassi consolidata non solo nelle indagini ufficiali condotte dagli organi preposti, ma anche nelle comuni vicende che coinvolgono tutti i cittadini. Sovvertire un ordine cronologico di solito è compito affidato ad un registratore, in grado di partire dalla fine dell’evento e raggiungere così l’inizio. Ma anche attraverso le leggi della fisica che riguardano la gravità quantistica. Non avremmo mai pensato, però, che anche la giurisprudenza, avrebbe adottato lo stesso metodo, innamorandosi dei percorsi compiuti a ritroso. Ultimo degli esempi offerti dalla politica, racconta una vicenda, condita con anomale modalità, identificabili in questo procedimento. Ad una moltitudine di carcerati, molti fra essi, ritenuti pericolosi criminali, è stata concessa la possibilità di scontare il resto della pena “ai domiciliari”. Per non correre il rischio di essere infettati dal Coronavirus in carcere. Una decisione che è costata ad un magistrato, il posto di lavoro, mentre un altro magistrato, ha dovuto intervenire pubblicamente per ricordare al ministro competente una scorrettezza comportamentale, sostenuta però da gravi e pericolose motivazioni. Una denuncia che un professionista integerrimo, uno dei pochi in grado di rappresentare tutti noi, ha fatto pubblicamente, accusando il ministro della Repubblica. In questo caso, come dicevamo, piuttosto che chiedere il riscontro delle prove e la veridicità delle stesse, si è provveduto a silenziare in ogni modo l’episodio, boicottando la grave denuncia fatta dal magistrato, ignorando la verifica della loro sostenibilità. Anzi un nuovo decreto fatto in tutta fretta dalla politica, ha cercato di rimediare alle incaute decisioni, sottoponendole singolarmente al giudizio del magistrato competente. Una triste vicenda, a cui è stato impedito un percorso giudiziario ufficiale, sono stati oscurati gli indizi, soverchiati i sospetti, soffocate le indagini, dal silenzio della ipocrisia istituzionale. Il coraggio di un uomo dello Stato, come sempre ignorato. Così come il sacrificio, compiuto da altri uomini dello Stato che ci hanno rimesso la vita, per catturare i carcerati ora rimessi in libertà.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

L'arroganza del potere
Il fallimento nella lotta alla mafia del ministro Bonafede
In difesa di Nino Di Matteo
di Giorgio Bongiovanni - Video-Intervista


Francesco Basentini: ecco l'operazione sporca del ministro Bonafede
di Giorgio Bongiovanni

Di Matteo, Bonafede e la nomina al Dap negata ''per lo stop di qualcuno''
di Aaron Pettinari

Giovanni Falcone andò in tutte le TV d'Italia
di Saverio Lodato

Ringraziate Nino Di Matteo. Bonafede vuole riportare dentro i boss
di Saverio Lodato


Io sto sempre con Di Matteo, non cambio idea per opportunismo
di Vincenzo Musacchio

Di Matteo: ''Bonafede nel 2018 mi propose il Dap. Pronto ad accettare, ma poi vi fu dietrofront''
di Giorgio Bongiovanni ed Aaron Pettinari


Nino Di Matteo non è un magistrato omertoso. Chi ha legalizzato l'evasione dei boss?
di Saverio Lodato


La Trattativa Governo-Detenuti: Nino Di Matteo non ci sta
di Saverio Lodato

Quando a perdere siamo tutti noi
di Lorenzo Baldo

''Question time'' per Alfonso Bonafede
di Giorgio Bongiovanni

Una storia vera in un Paese privo di memoria
di Sandra Amurri


Sonia Alfano: ''Su quello che ha detto Di Matteo ci metto la mano sul fuoco. Bonafede è un paracadutato''

Lumia su Bonafede: ''Con il no a Di Matteo ha fatto involontariamente regalo alla mafia''

Sebastiano Ardita: ''Di Matteo non ha mai fatto riferimento a pressioni mafiose''

Ingroia: ''Io sono esterrefatto su Bonafede, che su Di Matteo dovrebbe chiarire e poi dimettersi''


Bongiovanni attacca la Mafia-Stato in una difesa storica al pm Di Matteo (Video)

Esclusivo, il Pm Nino Di Matteo: "Fui chiamato a dirigere il Dap, poi il Ministro cambiò idea. I boss non mi volevano" (Video)

Ti potrebbe interessare...

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy