Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di Maria Grazia Mazzola
È una licenza-premio? Una vacanza donata a un sospetto di omicidio che pochi giorni fa ha preso in giro la polizia di Malta dicendo di avere perso il telefono... e bla, bla, bla...
Solo nella Repubblica di Pepè accade che l'indagato di primo piano dell'omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia, nella sera di Santo Stefano, decida di prendere l'aereo con la famiglia per fare vacanza in Italia a Bologna. Allo scandalo maltese di impunità non c'è fine!
Il cittadino europeo medio che vive nello Stato di Diritto, è costretto a darsi un sonoro pizzicotto. Si perché questa scenetta da Repubblica delle Banane è l'ennesima a gettare discredito sulla credibilità di una piccola nazione come Malta dove da mesi la società civile protesta con forza perché le prove sull'omicidio dell'autorevole giornalista sono state oltre che inquinate. Il businessman Yorgen Fenech in carcere accusato di essere il mandante dell'autobomba, é infatti un 'compagno di merende' di Schembri-arrestato e rilasciato piu volte - e non solo. Fenech aveva regalato un orologio da 20.000 euro di oro bianco, vino pregiato e altro anche al Primo Ministro Muscat che per anni ha protetto Schembri e l'ex ministro Mizzi (in foto) sullo scandalo delle società panamensi col transito delle tangenti per la centrale elettrica a Gas, titolare il 38enne Fenech alias 17Black.
Già perché il Fenech era un abitué di Muscat e Schembri. Fenech compagno di merende con i vertici del governo di Malta. Che ignominia.
Uno accusato di essere il mandante di un'autobomba mafiosa - Fenech - che girava per matrimoni - quello del Presidente della Pilatus Beni Sayed Ali Sadr Hasheminejad, arrestato poi dagli USA per truffa con i vertici del governo maltese a Firenze nel 2015. Eppure nonostante l'oltraggio ripetuto nei confronti di Daphne Caruana Galizia, della sua famiglia, e della società civile, il Primo Ministro rimane incollato alla sua poltrona, nonostante il parlamento europeo abbia votato nei giorni scorsi a maggioranza l'opportunità delle sue dimissioni.
Qua siamo oltre. La beffa. La sfida. Oltre. Qui si stanno nascondendo interessi internazionali più grandi di quanto si possa immaginare. E sospettiamo molto di più.
Intervengano gli Organismi di Garanzia Europei. Questo é oltraggio all' Europa e alla sua credibilità. Qui sono maltrattate la famiglia caruana galizia e il popolo di Malta. Quante volte deve essere ancora uccisa Daphne Caruana Galizia? Giustizia!

Tratto da: facebook.com

ARTICOLI CORRELATI

Caso Caruana: l'Europarlamento chiede le dimissioni del premier Muscat

Caso Caruana Galizia: governo nel caos, il presidente Muscat annuncia dimissioni dopo scelta del sostituto

Caso Caruana Galizia: crolla il ''castello di carte'', arrestato il ministro Keith Schembri

Caso Caruana Galizia: si spacca il governo maltese, il ministro Bartolo chiede le dimissioni dei colleghi Schembri e Mizzi

Omicidio Caruana Galizia: arrestato il mandante Yorgen Fenech

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy