Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di Paolo Borrometi
La notizia che ho appreso mi addolora molto: il collega Nello Scavo, dopo aver condotto una splendida inchiesta giornalistica, è sotto tutela della Polizia.
L’inchiesta di Nello, pubblicata in più puntate su Avvenire, ha svelato la presenza di Abd al-Rahman al-Milad, meglio conosciuto come Bija, un trafficante di essere umani all’incontro di Mineo nel 2007 tra le autorità italiane e le autorità libiche per arrivare ad un accordo e bloccare così le partenze di profughi da quel Paese verso il nostro.
Non bastavano le mafie e i terroristi, adesso anche i trafficanti di vite umane minacciano la libertà di informazione.
A Nello, amico oltre che collega, va il mio abbraccio e quello di Articolo21.

Tratto da: articolo21.org

Al collega Nello Scavo va la solidarietà di tutta la redazione ANTIMAFIADuemila

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy