Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di Massimo Marnetto
La riabilitazione di Berlusconi da parte del Tribunale di Sorveglianza appare carente nelle motivazioni e quindi inficiabile. Si guarda alla pena scontata, ma non alle pesanti dichiarazioni di disprezzo che il pregiudicato ha rivolto in questi anni alla magistratura, a cui ha sempre negato il rispetto dell’imparzialità quando lo ha condannato (“sentenze ad orologeria”, “toghe rosse”, “uso politico della legge”…), arrivando persino a qualificarla - mentre scontava la pena - come “plotone di esecuzione”. Ad altri cittadini non miliardari sarebbe consentito tanto vilipendio?
Queste ingiurie verso la Legge e chi la amministra non possono passare in silenzio.
Perché in questo modo si avvalorerebbe il concetto che le intimidazioni e gli insulti pagano, soprattutto se posti in essere da ricchi e potenti. Pertanto, la Procura Generale dovrebbe impugnare questa riabilitazione, concessa con troppa fretta e senza soppesare tutti i comportamenti offensivi ed eversivi del pregiudicato. Che potrà ritenersi riabilitato, solo  quando avrà dato prova - con il suo rispetto per la magistratura e quindi per il Popolo in nome del quale esercita la sua funzione - di aver assimilato il principio che la legge è uguale per tutti.

Tratto da: articolo21.org

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy