Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

falcone e borsellino c shobhadi Agende Rosse Modena & Brescello 
Venerdì 24 giugno, si apre il Festival del Cinema in piazza Matteotti, sotto le stelle di una serata miracolosamente ventilata, che spezza le lunghe giornate insopportabilmente afose. Quest’anno si è scelto di partire con la serata dedicata alla legalità, film prescelto “L’Ora legale” di Ficarra e Picone da alcuni in piazza definito un filmetto ma che in realtà rispecchia amaramente e in modo davvero azzeccato il paese chiamato Italia. Sembrerebbe tutto normale, solo che siamo a Brescello, primo comune sciolto per mafia in Emilia Romagna. Presenti alla prima serata, due dei tre commissari insediatisi il 20 aprile 2016. Ci stupisce non poco non aver sentito parlare di Legalità nel senso tangibile del termine soprattutto qui in questa piazza dove una cittadina brescellese è stata minacciata: da poco la sentenza di primo grado per cinque residenti per minacce di stampo mafioso, uno dei quali Diletto Alfonso, ritenuto promotore della cosca Grande Aracri, condannato al rito abbreviato nel processo Aemilia a 14 anni anni e due mesi.
Poi succede quello che non ti aspetti. Mentre si attendeva che calasse la sera per poter assistere alla proiezione, decidiamo di avvicinarci ai commissari con arrotolato sotto il braccio lo striscione con i volti di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Chiediamo la possibilità di appoggiare lo striscione sul pavimento della piazza, dove non avrebbe disturbato nessuno, senza chiedere null’altro, nessun intervento, nessuna parola, ma “solo” un gesto simbolico importante non solo per la ricorrenza del XXV anno dalle stragi di Capaci e via D’Amelio, ma importante per un paese troppo spesso nominato nelle carte di Aemilia.
Serata dedicata alla legalità, dicevamo, ma non troppo, per non disturbare. Perchè non c’è posto per lo striscione con i volti di Falcone e Borsellino, o meglio, per ben precisare, i due commissari si appellano alla burocrazia, affermando che avremmo dovuto chiedere il permesso diversi giorni prima alla Pro Loco. Questa la scusante con cui siamo stati liquidati in meno di due minuti, senza neppure voler vedere quei volti rifiutati per un inghippo burocratico. Quei volti che in questa piazza dovrebbero essere visti e ricordati più che mai.
Restiamo seduti, con il cuore gonfio di amarezza, sentendo di essere in presenza di qualcosa chiamato “serata della legalità”, ma che ci appare una grande farsa. Guardiamo il film e notiamo che molte sedie si svuotano, forse perchè alcuni di essi si sono sentiti chiamati in causa dagli avvenimenti citati nel film di Ficarrra e Picone.
Al termine del film ci avviciniamo nuovamente ai commissari impegnati a chiacchierare amabilmente e tentiamo di mostrare loro i volti che hanno rifutato, ma la loro risposta è sempre la stessa, la burocrazia. E allora ricordiamocelo bene perchè certi Uomini che hanno dato la vita insieme ai ragazzi della scorta, per la nostra Libertà, si possono ricordare solamente nelle date prestabilite e con il dovuto cerimoniale. Il resto dell'anno ce ne dobbiamo dimenticare.
Riteniamo però che possa esserci una soluzione e allora lanciamo ufficialmente la nostra proposta: perchè non esporre lo striscione con i volti di Falcone e Borsellino, in questa stessa piazza a Brescello, almeno fino al 19 luglio?

Movimento Agende Rosse - Gruppo Mauro Rostagno - Modena & Brescello

Foto © Shobha

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy