Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

dalla chiesa nando web4di Nando dalla Chiesa
Fate sapere, fate sapere!!! Svegliate le belle addormentate…Gira una voce curiosa sul referendum: che l’eventuale vittoria del no porterebbe diritti al governo o Salvini o i 5Stelle. La voce fa parte del noto repertorio “dopo di me il diluvio”, in cui stanno cascando in tanti, improvvisatisi fini analisti degli scenari politici italiani. La “riforma” non mi piace, dicono molto compresi, ma mica vorrai mandare al governo quelli lì. Proprio adesso che Trump ecc. ecc. A questo si puntava d’altronde contrapponendo (nel salotto di Fazio) Salvini a Renzi. La gente doveva essere indotta a pensare che il duello del 4 dicembre sia non tra chi vuole difendere la Costituzione e chi vuole rottamarla, ma tra Renzi e Salvini. E’ il modello Vespa: contro Berlusconi mettere Bertinotti, così vince facile.
Ora però sveliamo l’imbroglio. Se vincerà il no non succederà niente. La Costituzione sarà salva e Renzi avrà preso una scoppola. Fine (lieto fine). Mattarella è persona saggia e prudente e non manderà nessuno alle elezioni. Si farà un altro governo, sostenuto esattamente dalla stessa maggioranza che oggi sostiene Renzi. O un Renzi bis, con qualche ministro di maggiore spessore e in grado di allargare l’immagine politica del governo (Pisapia? Monti?). O un Franceschini (in foto con Renzi), che viene considerato l’alternativa più probabile, e al quale infatti è già stato chiesto. E’ talmente chiaro lo scenario successivo a un eventuale successo del no che i renziani si sono già pronunciati contro l’ipotesi di un governo Grasso, essendosi rifiutato il presidente del Senato (che è la seconda carica dello Stato…) di fare da tappetino alla band fiorentina. Dunque, in ogni caso, stesso schieramento di governo. Fatelo sapere, ditelo agli analisti di scenari, che tornino per terra.
Quanto all'”accozzaglia”, la squadra del no si è arricchita di Gherardo Colombo, che la sinistra può mettere al posto di Monti o il centro al posto di Camusso. Ricordo comunque la formazione di partenza: Padellaro; Di Matteo, Rodotà; Bonsanti, Monti, Smuraglia; Spataro, Zagrebelsky, don Ciotti, Onida, Camusso. Allenatore Camilleri. Si prega di trovare “accozzaglia” dello stesso livello di impegno democratico (diritto, giustizia, antimafia) nel campo avverso.
E a proposito di antimafia, massima, affettuosa solidarietà a Enza Rando, avvocato di parte civile in tanti processi di mafia, vicepresidente di Libera, oggetto di una inqualificabile campagna diffamatoria nella sua città, Modena. Qui l’altra notte qualcuno è entrato nel suo studio mettendolo a soqquadro e senza rubare nulla. Intimidazione che va respinta da tutti insieme al mittente. Forza Enza! E grazie per quel che stai facendo.

Tratto da: nandodallachiesa.it

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy