Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

20151114 manif dimatteo roma homedi Enza Galluccio
Un anno fa scrivevo un articolo dal titolo impregnato di un ristagno d’ottimismo “Di Matteo non è solo”.
Ovviamente non mi riferivo al sostegno che sarebbe stato doveroso da parte delle istituzioni e del mondo politico, dato che si parla di quel magistrato che ha attirato le attenzioni di tutta Cosa Nostra e, ovviamente, di coloro che provano fastidio per chi si ostina a cercare la verità dei fatti. Anche quelli scomodi, come quella rete di poteri intrecciati che definiscono i veri sistemi criminali italiani di cui la trattativa tra lo Stato e la mafia è solo il sintomo, la punta di un iceberg.    
Per Di Matteo sono arrivati da tempo centocinquanta chili di esplosivo, ben nascosti nel silenzio di Palermo. Sempre per lui, Riina si è fatto sentire dal super carcere di Parma mentre passeggiava con la sua “dama di compagnia”, il recluso Alberto Lo Russo esperto in comunicazioni cifrate con l’esterno e presunto uomo cerniera con i servizi segreti. Per questo magistrato Riina ha mostrato il pollice verso della condanna a morte.
In quell’articolo mi riferivo alla “lucidità e la rabbia di coloro che fermamente lo hanno sostenuto e difeso, dagli uomini della scorta a tutti quei cittadini italiani – non solo siciliani – che hanno gridato più forte che potevano, perché gli fosse garantita un’adeguata protezione anche attraverso l’uso del bomb-jammer”. Usavo queste ed altre parole dure, con la consapevolezza di convivere con il muro di gomma di un sistema deviato e manipolatorio, che spazia dall’informazione fino ai più alti vertici del potere istituzionale.

Erano già passati i tempi del clamoroso intervento dell’ex presidente della Repubblica Napolitano contro la Procura di Palermo,  in particolare Antonio Ingroia e lo stesso Di Matteo, titolari delle indagini di quello che oggi chiamiamo processo sulla trattativa Stato-mafia che si sta svolgendo a Palermo. Allora l’ex pm Ingroia decideva di dire basta a quella carriera ricca di passione che aveva svolto anche al fianco di Paolo Borsellino, esausto di respirare l’aria malsana di questo Paese che lascia morire i suoi servitori migliori e isola, denigra chi cerca di proseguire il loro lavoro, nella vana speranza di sentire ancora quel “fresco profumo della libertà che fa rifiutare il puzzo del compromesso morale, dell'indifferenza, della contiguità e quindi della complicità” [Paolo Borsellino] che solo uno stato ancorato alla cultura della legalità può garantire.
Oggi Di Matteo non è soltanto il magistrato più a rischio, ma è anche quello sulla cui faccia si chiudono tutte le porte, è il testimone diretto dell’incuranza mirata dell’intero sistema di informazione, asservito a questo o quel governo di turno, egli è il simbolo della ricerca di una Giustizia sana negata e messa a tacere con i mezzi più beceri.
Dunque, oggi più che mai, il magistrato Nino Di Matteo ha bisogno della presenza e delle parole di tutti noi, per questo nasce l’iniziativa del 14 novembre a Roma da parte delle Agende Rosse e di Scorta Civica, per rompere quel silenzio omertoso che ci vorrebbe tutti passivamente distratti e appiattiti nell’inutilità quotidiana della strabordante spazzatura che propongono i media.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy