Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

giornata-memoria-vittime-mafia-seppiadi Salvo Vitale - 25 marzo 2014
Sabato 21 Marzo è stata la giornata della memoria delle vittime delle mafie, ma è anche la giornata mondiale della poesia. Ieri è stata la giornata mondiale della felicità. Non so se il calendario prevede una giornata dell'amore, una del sesso, una giornata della gioia, una del clandestino, una del disarmo, una dell'uguaglianza, una della "vita vissuta pienamente", perchè una giornata che obblighi a vivere, che sopporti la vita di chi è costretto a morire di fame, di stenti, di dolore, non so di quale vita possa parlare. E comunque, per mediare le due cose mi pare giusto, quando tutti cercano di esprimere solidarietà attraverso le parole, mettere in rete questo pezzo scritto una decina di anni fa, quando Napolitano venne a inaugurare a Palermo il giardino della Memoria a Ciaculli, preceduto da una serie di discorsi di politici che con la lotta alla mafia avevano da spartire ben poco. E allora, auguri ai poeti, se ancora ce ne sono.

Parole

Siamo tutti bravi,

facciamo le manifestazioni,

ci mobilitiamo per ricordare i morti,

sì, la memoria è necessaria,

un popolo senza memoria

è un popolo senza storia,

e blablabla,

sapienti architetture di parole,

con fiocchetti, analisi,

interventi scritti, applausi,

giacca e cravatta sotto il sole torrido,

apprezzamenti per i successi conseguiti,

parate disparate,

presenza d’obbligo delle forze dell’ordine,

strette di mano, baci, targhe,

e più recentemente alberi,

rassegne dei tipi più squallidi,

in rappresentanza delle istituzioni,

il presidente, il deputato,

il sindaco, gli assessori,

il capitano, l’arciprete, i parenti,

apoteosi del cerimoniale,

passeggiate sul sangue dei morti,

scoramenti, scornamenti,

se ci va lui non ci vengo io,

verifiche dei partecipanti,

la città che non c’era,

Peppino è vivo,

non certo tra i compagni a pugno chiuso,

perché Peppino è morto

e non lotta più insieme a noi,

Paolo vive,

non certo tra i camerati a braccio alzato,

perché Paolo è morto nel caldo di luglio,

assieme ad altri di cui possediamo l’elenco

e ad altri ancora che non ne fanno parte,

e poi, dopo la morte l’imbalsamazione,

la tumulazione nel pantheon dell’immobilità

la cera nelle orecchie per non sentire le urla,

lo stupore, l’angoscia del mare della morte

che si chiude sulle loro teste per sempre,

dentro uno spazio senza tempo.

L’applauso è un addio che ci distanzia

dalla condivisione delle loro scelte.

Più amara l’apparenza dell’impegno

che nasconde un qualche interesse.

“Noi ci dobbiamo ribellare…”

E come?

Chi si permette di dirlo è un sovversivo

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy