Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Basta scorrere l’elenco degli eletti nelle varie assemblee per contare quanti di essi siano sotto processo o già condannati perché mafiosi o per concorso esterno o per corruzione.
È l’altra grande questione: la corruzione è il brodo di coltura nel quale maturano tutti gli intrecci tra affari, mafia e politica. Basta enunciare una generica proposta di Riforma della Giustizia o una dichiarazione antimafia di circostanza per estirpare questo cancro dalla società italiana? Al di là del necessario adeguamento delle norme antimafia, quelle esistenti sono state sinora sufficienti per spedire in galera migliaia di capi e manovali mafiosi, ma non abbastanza per spezzare il loro legame e la loro dipendenza dalla politica e dall’economia legale.
Si continua a ripetere che le mafie possono essere estirpate solo se lo Stato lo vorrà, cioè se ci sarà una forte volontà politica della classe dirigente di questo paese, il cui Parlamento nel corso degli anni, tra mille difficoltà, ha prodotto, grazie al combinato disposto tra movimento antimafia sociale e impegno delle forze politiche, una legislazione di primordine ammirata e copiata da altri paesi.
Lo prova la recente approvazione al Parlamento Ue del documento di indirizzo politico per una legislazione europea antimafia adottabile dai paesi membri. A questo punto della riflessione vorremmo riproporre la domanda, cosa sarà proposto da colui che sarà scelto, con le primarie, segretario del Pd? Dall’attuale governo delle larghe intese, non crediamo che riusciremo a ottenere molto, basta vedere le difficoltà per rendere applicabile il 416-ter (voto di scambio) e per avviare i lavori della Commissione Antimafia, luogo candidato, come abbiamo già sollecitato, a elaborare le proposte di miglioramento o adeguamento dell’attuale normativa antimafia, a rendere efficaci e applicabili le norme anticorruzione, quelle contro il riciclaggio e l’autoriciclaggio.
Se l’esistenza delle mafie è incompatibile con la democrazia parlamentare prefigurata dall’attuale Costituzione, come si pensa di procedere per attuare la Costituzione? Noi rimaniamo ancorati a quell’idea originale che la sinistra sociale e politica ha messo in campo nel secolo scorso. La lotta contro le mafie è prima di tutto lotta sociale e politica che non può essere delegata alla magistratura e alle forze dell’ordine alle quali compete l?oneroso compito della repressione che oggi, più di ieri, svolgono con efficienza. Ma i loro sforzi sono vanificati dalla perdurante relazione tra mafia, economia e politica che consente il rinnovo del braccio armato.
Per impedire ciò occorre rafforzare gli strumenti della partecipazione politica: partiti democratici, assemblee elettive funzionanti, istituzioni efficienti al servizio dei cittadini.
Per cortesia, candidati a segretario del Pd, dite agli elettori del Pd e a tutti i cittadini il vostro programma preciso su questi temi, come pensate di affrontarli e risolverli nell’interesse dell’intero Paese e della sua democrazia?

* Presidente Centro Studi Pio La Torre

Tratto da:
articolo21.org

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy