Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

giaccone-milly-web0La figlia del medico ucciso dalla mafia colpita da infarto
di AMDuemila
 - 20 giugno 2013
E’ giunta in redazione la notizia  che Milly Giaccone è stata colpita da un infarto. Nel referto scritto dai medici del Policlinico Universitario Paolo Giaccone (medico ucciso per azione terroristico mafiosa e padre di Milly) si legge: “infarto anteriore. ECG anormale e sovraccarico del ventricolo sn”. Siamo riusciti a parlarle e abbiamo sentito una voce stanca.
“Mi sono sentita male subito dopo aver saputo della sentenza che rigettava la mia necessità di  quiescenza – ha detto Milly Giaccone –. Non volevo impaurire mio figlio e soprattutto non posso lasciarlo da solo. Quando ti uccidono il padre e poi vedi morire tua figlia a dodici anni perdi la cognizione  del dolore, non puoi più misurare quello fisico in quanto quello morale prevale sul resto.

Ho creduto  di poter resistere e invece no , non ho alternative. Quel giudice della Corte dei Conti ha voluto non riconoscere uno status che ahimè  era stato attribuito a Papà già nel lontano 1983. Forse per lui i certificati di Prefettura hanno la scadenza come i farmaci e come un farmaco scaduto lo ha buttato nell’apposito contenitore. Adesso devo cercare di star meglio, ripeto non posso lasciare mio figlio da solo, e ormai non ho più né una pensione né un lavoro”.

L’accanimento burocratico-giudiziario nei confronti della figlia di Paolo Giaccone continua a produrre i suoi effetti devastanti. Auspichiamo fortemente che il presidente Crocetta, al prossimo incontro con i familiari delle vittime di mafia, possa risolvere definitivamente questa paradossale vicenda chiudendo una pagina degna di un Paese del terzo mondo.

ARTICOLI CORRELATI

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy