Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

giordano-pippo-web4di Pippo Giordano - 3 giugno 2013
La mafia? “E' un'invenzione dei comunisti per danneggiare la DC” disse nel 1963 un autorevole alto prelato di Palermo, all'indomani della strage di Ciaculli, dove morirono sette appartenenti alle Istituzioni tra carabinieri e militari. Orbene, vedendo le persone che oggi 2013 costituiscono la Commissione antimafia siciliana, mi viene spontaneo dire che quel Santo uomo di prelato aveva ragione. Io premierei la sua lungimiranza proponendo alla Santa Chiesa Romana, di farlo diventare “Beato”. Come darle torto, aveva ahimè ragione lui: la mafia non esiste! Vedete, non è vero che la strage di Capaci, dove morì Giovanni, Francesca, Rocco, Antonio e Vito fu causata da una esplosione di dinamite. No! Fu la strada che implose per cause naturali. E in via d'Amelio? Una fuga di gas dal sottosuolo siciliano. Ordunque ha ragione Miccichè quando afferma che l'aeroporto di Punta Raisi, non dovrebbe essere intitolato a Falcone e Borsellino e quindi il suo inserimento alla Commissione antimafia è cosa buona e giusta. Per anni e anni, l'antimafia di mestiere ci ha raccontato balle. Per esempio Ninni Cassarà e Antiochia, non furono assassinati, ma perirono perchè inciamparono sui gradini di casa Cassarà.

Lo stesso Natale Mondo, cadde perchè si girò a guardare i giocattoli esposti nella vetrina nel negozio di sua moglie, ruzzolò per terra e sbatté la testa. Lillo Zucchetto, poverino, si strozzò mangiando un panino appena comprato nel bar di via Notarbartolo. Beppe Montana, non fu ammazzato, morì per le ferite riportate dall'elica del suo motoscafo. E Boris Giuliano? Non è stato Leoluca Bagarella a sparargli, morì mentre era al bar, sorseggiando un caffè alla Sindona. Eppoi tutti i mafiosi i ammazzati all'inizio degli anni ottanta? Non credeteci, date retta a me, morirono perchè colpiti dal virus della Sars. La trattativa Stato-mafia? Baggianata. Per dirla come l'alto prelato palermitano: “è un invenzione per danneggiare la politica”. Non c'è stata nessuna trattativa, perchè non c'era nulla da trattare nella casa comune: erano tutti felici e contenti. E le stragi di Milano, Firenze e Roma? Ma davvero voi credete che furono causati da esplosioni? Nooooo! Menzogne messe in giro dagli anti-mafiosi. Salvatore Borsellino e Giovanna Maggiani Chelli, due visionari che scambiano lucciole per lanterne. In verità, i morti delle stragi di Roma, Milano e Firenze, furono causati dalla furia dei tornado che s'abbatterono con inusitata violenza. Altro che stragi mafiose. In buona sostanza, hanno ragione alcuni politici che recentemente hanno proposto di rivedere le norme sulle intercettazioni telefoniche, sulla riduzione delle pene per il concorso esterno alla mafia, con annesso il divieto di andare in carcere. Hanno ragione sì! Se la mafia non esiste! Oh! Scusate m'ero appisolato e quindi non ho scritto io questo post: non esisto come non esiste la mafia. E allora perchè fate la Commissione antimafia?

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy