Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Lanciamo una due giorni di approfondimento e di dibattito con esperti.
Un'occasione per parlare del fenomeno mafioso in termini ampi, storici ed attuali, specie nei suoi collegamenti e nelle sue interessenze con le parti politico-istituzionali dello Stato.
Si inizia sabato, alle ore 9.30, con l'evento "La mafia è bianca", per parlare del rapporto tra mafia, corruzione e sanità, in relazione alla precarietà e alle continue privatizzazioni del sistema sanitario. Un rapporto che affonda le sue radici in decenni di storia siciliana e non solo, che passa per il sistema Cuffaro e arriva fino alla latitanza protetta dell'ex primula rossa Matteo Messina Denaro. Inoltre, parleremo di dinamiche collegate alle dipendenze patologiche e alla riduzione del danno all'interno dei quartieri e spazi della nostra città, dove ogni giorno si vive la negazione di diritti basilari.

Ne dibatteremo con:

- Ivan Cavicchi, docente Università di Medicina - Tor Vergata di Roma;

- Franco Ingrillì: medico Rete ambulatori popolari Palermo - Forum sanità pubblica Palermo;

- Cecilia Giordano: docente Università di psicologia del fenomeno mafioso;

- Lorenzo Capretta: counselor - membro del Coordinamento riduzione dei danni e prevenzione dei rischi.


stato profondo mafia bianca

La seconda giornata si terrà domenica 3 dicembre, alle ore 17 dal titolo "Lo Stato profondo". Parleremo dell'intreccio tra servizi segreti, mafia, neofascismo, massoneria e politica all'interno di quel sistema criminale integrato che, a partire dal primo maggio del 1947 (Portella della Ginestra), a suon di stragi, omicidi e falliti Golpe, ha condizionato la vita politica del nostro Paese. E che tutt'ora continua a influenzarla, attraverso un filo rosso che giunge fino all'attuale Governo. Verità taciute, altre mancanti e altre ancora cancellate per sempre dagli archivi di Stato.

Di questo parleremo con:

- Roberto Scarpinato, ex Procuratore generale di Palermo;

- Stefania Limiti, giornalista e saggista;

- Ilaria Moroni, direttrice dell'archivio Flamigni.

A conclusione ci sarà un aperitivo (su prenotazione) a 15€ comprensivo di cibo e bevanda.
Per prenotare: Whatsapp - 331 9070485.

Non fartelo raccontare! Ci vediamo sabato 2 e domenica 3 dicembre, presso il NOZ (Nuove Officine Zisa) - Cantieri Culturali alla Zisa.
Inoltriamo anche il documento del Manifesto di idee in cui si riconoscono le realtà di questo Coordinamento. Il manifesto è aperto alle adesioni di tutte le realtà sociali, le associazioni, i collettivi, le soggettività, i sindacati che vorranno realizzare insieme altri eventi ed attività.

L'evento facebook.com/events/257646523974047

ARTICOLI CORRELATI

''Basta silenzi di Stato''. Il corteo dell'antimafia intersezionale dei giovani di Palermo

Our Voice e l'antimafia popolare, una lotta intersezionale per una Palermo nuova

Le ragazze del Borgo Vecchio rivendicano spazi di socialità

Antimafia popolare, un'iniziativa di Our Voice sulla questione sociale e politica a Palermo
    

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos