Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

cometa-e-legalita-conc-natale-231213Lunedì 23 dicembre alle 17 dentro il Tribunale di Catania l'esibizione dell'Orchestra sinfonica infantile “Falcone Borsellino” diretta dal maestro venezuelano Victor Omobono. L'iniziativa è promossa dall’Anm, dalla Fondazione Città Invisibile e da Libera Impresa.
"Cometa è la legalità", questo è il titolo del concerto natalizio realizzato dai bambini di un'Orchestra fiore all'occhiello dell'Italia che difende i valori della legalità, attraverso l'educazione dei minori. Non è un caso che gli 80 bambini e ragazzi che suoneranno il 23 provengono dai quartieri di Catania, Siracusa e hinterland considerati più a rischio per il predominio della criminalità organizzata, che impone vincoli e regole improntate sulla violenza e l'ignoranza.

Grazie alla fondazione La città invisibile, in soli 3 anni, ben 500 ragazzi e bambini hanno trovato nella formazione orchestrale abbinata a percorsi di educazione antimafia, un'alternativa di alto livello culturale e morale, per sfuggire alle grinfie di un contesto di illegalità diffusa. Encomiabile il loro impegno, che spesso si scontra con logiche non scritte di comportamento e di mentalità, instillate come un lento veleno nella loro educazione; un'educazione alle regole di cui la scuola spesso non riesce più a farsi carico. E sono encomiabili le stesse famiglie di questi ragazzi, che lottano per restare nella via dell'onestà anche quando non c'è un lavoro e si vive di stenti.
L'orchestra e la scuola di vita della Città invisibile, dedicate a due esempi di coraggio e di verità, come Falcone e Borsellino, si batte da anni per il riconoscimento dei diritti di giustizia e di equità sociale. Per questo il Comitato cittadino dell'Unicef l'ha insignita del ruolo di Messaggera di pace. E proprio da questo suo scopo, sono derivate le partecipazioni alle manifestazioni in via D'Amelio per il giudice Borsellino, al tribunale di Palermo, per Giovanni Falcone, e ancora gli eventi di esaltazione dell'operato di Dalla Chiesa, Puglisi, Fava e molti altri. Un'operato etico a favore dei diritti e della legalità che si coniuga con il metodo didattico del famoso Sistema venezuelano di Josè Abreu, un metodo che nella Scuola della Città invisibile è applicato direttamente dai maestri del Sistema, presenti come "missioari" nei centri di formazione continuativamente dal 2010. Un caso unico in Italia, che ha prodotto risultati eccezionali, in modo indipendente e serio, autentica realizzazione di un programma di inclusione sociale che non lascia indietro nessuno, specie se si tratta di bambini disabili o in difficoltà. Grazie a questo metodo, tutti i bambini riescono a suonare in orchestra. Un miracolo basato sul rispetto e l'aiuto reciproco che gli stessi allievi mettono in campo. Il principio della scuola è infatti quella della fratellanza e della non competizione. Ad accompagnare l'Orchestra sarà il coro di voci bianche di Librino (Oratorio Giovanni Paolo II e Angeli Custodi) diretto da Serena Amelia Cravana, Mentre la sezione fiati, provenienti da Siracusa, è stata formata dal maestro Andrea La Monica, quella degli archi è stata messa appunto dallo stesso Omobono e dai maestri La Manna e D'Aparo. Un'ulteriore chicca della serata è costituita dalla partecipazione del gruppo di percussionisti senegalesi SunuAfro guidato dal compositore Jali Diabate, del quale sarà eseguito un pezzo.
I bambini suoneranno gli strumenti di alta liuteria cremonese, donati alla scuola dall'Associazione liuteria artistica italiana, guidata dal pres. Nicolini, che ha insignito negli anni la Fondazione di ben 3 premi in una giuria composto dai più grandi musicisti italiani (Ughi, Accardo, e altri). Questo per mettere in pratica il motto di Abreu secondo il quale: la cultura per i poveri non deve essere povera. Tra i più affezionati della scuola catanese, vi è senza dubbio il liutologo cav. Salvatore Dugo. Molto importante il ruolo di sostegno educativo offerto da don Ezio Coco di San Cristoforo, suor Lucia di Librino e frate Mario dei Cappuccini di Adrano.
Come ha dichiarato il presidente di Libera Impresa, associazione antiracket, Rosario Cunsolo, “Si tratta di un evento storico e senza precedenti nel capoluogo etneo: accogliere nel tempio della Giustizia un coro e una orchestra che suonano per la legalità”.
“Abbiamo ritenuto appropriato – ha sottolineato il presidente del tribunale Pacifico - affidare il messaggio di affermazione della legalità all’orchestra Falcone e Borsellino, simbolo di costante dedizione e impegno sociale, perché il bello e il giusto e il buono che questa nostra terra è in grado di esprimere, incarnato dall’impegno delle nuove generazioni, può e deve contribuire all’affermazione dei valori di legalità, democrazia e libertà. Per essi occorre incessantemente battersi, facendosi guidare, come una stella cometa, dal messaggio di speranza di Paolo Borsellino: ‘Un giorno questa terra sarà bellissima’".
“È uno splendido parallelo – ha detto il sindaco Enzo Bianco – quello tra la stella cometa e la legalità: deve essere la legalità, infatti, a indicarci la via nel cammino laico verso la civiltà che ci condurrà a costruire la città delle regole e dell’equità”.

Info: www.fondazionelacittainvisibile.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NARCOS CARIOCA

NARCOS CARIOCA

by Mattia Fossati

...


LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

...

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

...


U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

...

A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

...


LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy