Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

petra-reskidi Petra Reski
Avevo vent’anni, quando mi infilai in una vecchia Renault 4 e andai da Kamen a Corleone. Solo perché mi ero letta Il Padrino. Standomene sdraiata sul letto, sotto un tetto spiovente tappezzato a motivi floreali. In quella stanza avevo studiato il golpe in Cile, soffermandomi in particolare sulla riforma agraria di Allende e sulla nazionalisazione delle miniere di rame, avevo imparato a memoria i verbi irregolari francesi e, come avevo fatto leggendo Macbeth, mi ero posta i grandi interrogativi sulla coscienza e sulla colpa. E nel frattempo avevo letto Il Padrino.

Sono le prime righe del mio libro “Sulla strada per Corleone. A vent’anni, ero in effetti vittima della folclore della mafia – una folclore che funziona benissimo dove non ci sono morti ammazzati dalla mafia. Oppure: dove si può – se capitano morti ammazzati di mafia, tipo a Duisburg – sempre fare finta che non hanno niente da fare con i cittadini onesti. Almeno cosi ha fatto il ministero degli interni del land Renanina-Settentrionale-Vestfalia (che nome!) rispondendo ad una interpellanza parlamentare riguardando la presenza della mafia: “Secondo le opinioni prevalenti tra le forze dell’ordine, la minaccia diretta e l’uso della violenza sono rivolte contro altri cittadini italiani”. La carneficina di Duisburg? Italiani che si ammazzano tra di loro.
Per fortuna, la folclore mi è passata dopo, al più tardi quando ho cominciato a scrivere i primi articoli sulla mafia. Per le mie ricerche sono spesso andata a Corleone, dove ho avuto tra l’altro anche la fortuna di conoscere il sindacalista e scrittore Dino Paternostro (qui il suo sito Città nuove Corleone) – uno delle tante persone in Sicilia che mi ha aperto gli occhi.
E così sono particolarmente felice e onorata che posso presentare il mio libro a Corleone, il giorno 11 luglio. Sono stata invitata dal laboratorio della legalità, un associazione antimafia dedicata a Paolo Borsellino. Il laboratorio della legalità si trova in un posto particolare: in una casa confiscata a Bernardo Provenzano.
2 luglio 2013

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NARCOS CARIOCA

NARCOS CARIOCA

by Mattia Fossati

...


LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

...

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

...


U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

...

A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

...


LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy