Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Non ricordo nulla, ma questo appunto di trasmissione è mio"

Totò Riina aveva o non aveva un cellulare a disposizione nel periodo in cui si trovava detenuto nel carcere di Rebibbia nel luglio, agosto 1993? E' questo uno degli interrogativi destinati a rimanere aperti nonostante gli approfondimenti avvenuti nel corso del processo d'appello sulla trattativa Stato-mafia. Al di là del tempo trascorso, che certo non aiuta la ricostruzione completa dei fatti assieme al decesso di diverse figure di riferimento, a non essere chiare sono le modalità con cui la notizia stessa è stata trattata all'interno dei più alti vertici istituzionali, tenuto conto che in quel periodo storico esplosero le bombe a Roma e Milano. Un elemento che di per sé dovrebbe lasciare impresso nella memoria il dato. Tuttavia sul punto in molti hanno detto di "non ricordare" il fatto o l'esito di eventuali approfondimenti svolti. Oggi è stata la volta dell'ex prefetto Luigi Rossi (in foto), al tempo vice del capo della polizia Parisi, sentito in videoconferenza di fronte alla Corte d'Assise d'Appello di Palermo.
La nota Sisde sarebbe pervenuta in data 24 ottobre 1993 per poi essere trasmessa il 12-15 novembre. In quel appunto si riferisce che i primi di agosto Riina era stato visto telefonare servendosi di un apparecchio cellulare messo a disposizione da quattro agenti penitenziari che hanno ammesso di aver preso 40milioni a testa e che per non dare pubblicità alla vicenda gli stessi erano stati trasferiti senza fare la denuncia.
Rispondendo alle domande del sostituto procuratore generale Giuseppe Fici, Rossi ha detto di non ricordare il particolare della nota riservata e, pur non escludendolo, di non aver interloquito con Parisi rispetto alla detenzione di Riina o la vicenda del cellulare. Tuttavia leggendo le carte ha confermato di aver effettuato lui un'annotazione a matita, nella carpetta che riguardava l'argomento, nel 2 novembre con i riferimenti al funzionario Fera e l'ex vice capo del Dap Francesco Di Maggio. "Di Maggio significa mandarlo al Dap - ha detto - Non ricordo di aver parlato con lui di questo. Io lo incontravo negli incontri istituzionali. Ricordo che partecipava anche ai Comitati nazionali di ordine e sicurezza pubblica". In un altro documento, rinvenuto durante gli accertamenti della Procura generale, sempre Rossi spiega di aver chiarito "le modalità di ricezione" della comunicazione con il capo del Dap Adalberto Capriotti. Tuttavia Rossi, nonostante abbia confermato che l'appunto fu redatto dalla sua persona, non ha alcun ricordo sul punto suggerendo alla Corte di sentire in merito Giuseppe Fera, che era suo stretto collaboratore.
Lo stesso Fera, già sentito in precedenti udienze, aveva dichiarato di non ricordare bene i contorni della vicenda, salvo confermare i contenuti delle documentazioni.
Il processo è stato poi rinviato al 23 novembre quando, sempre su questi argomenti, dovrebbe tenersi l'esame di Liliana Ferraro, Cinzia Calandrino, al tempo coordinatrice dei servizi presso la segreteria generale del Dap e responsabile della sezione quarta. In quel giorno sarà previsto anche l'esame della funzionaria di polizia Giustolisi, che ha compiuto gli accertamenti sulle dichiarazioni del pentito Pietro Riggio.

ARTICOLI CORRELATI

Processo Trattativa, l'appunto ''fantasma'' sul cellulare di Riina in carcere

Trattativa: Riina, il cellulare in carcere e il mistero della nota Sisde

Processo Stato-Mafia, le morti di Gioé e Ilardo nelle dichiarazioni di Riggio

Video

  • All
  • Antonio Ingroia
  • Cosa Nostra
  • Our Voice
  • Palestina
  • Pietro Riggio
  • Salvatore Borsellino
  • Video

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

...

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

by Letizia Battaglia, Sabrina Pisu

...


MAGISTROPOLI

MAGISTROPOLI

by Antonio Massari

...

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

by Gianluigi Nuzzi

...


OSSIGENO ILLEGALE

OSSIGENO ILLEGALE

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

...


LA STRAGE CONTINUA

LA STRAGE CONTINUA

by Raffaella Fanelli

...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy