Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

E' stata fissata dalla sesta sezione della Corte Suprema di Cassazione per l'11 dicembre 2020, alle ore 10, l'udienza in Cassazione per il procedimento in abbreviato (anche noto come trattativa Stato-mafia) che vede l'ex ministro della Democrazia Cristiana, Calogero Mannino, imputato per violenza e minaccia a corpo politico dello Stato (art.338 e 339 del codice penale).
Secondo l'accusa il politico, consapevole di essere finito nella black list di politici e magistrati condannati a morte da Riina, si sarebbe attivato per aver salva la vita dando il via al dialogo dello Stato con Cosa nostra.
Nel luglio 2019 la Corte d'Appello di Palermo, presieduta da Adriana Piras (consiglieri a latere Massimo Corleo e la relatrice Maria Elena Gamberini), confermò la sentenza di assoluzione in primo grado, "per non aver commesso il fatto". Una formula che richiama la vecchia insufficienza di prove (quindi il fatto-reato ma quella trattativa tra Stato e mafia è stata commessa da altri, o meglio non ci sono abbastanza prove per dire che l’abbia commesso anche lui, ndr).
Dopo il deposito delle motivazioni della sentenza la Procura generale, diretta da Roberto Scarpinato, con i sostituti procuratori Generali, Giuseppe Fici e Sergio Barbiera, ha presentato ricorso per motivi di diritto, contestando la logicità e la conformità alla legge della sentenza.
I giudici di secondo grado non hanno spiegato solo il perché della conferma del giudizio di assoluzione. Sono andati oltre allargando i propri pareri anche alle valutazioni adottate dai giudici della Corte d'Assise di primo grado, che nel procedimento con rito ordinario hanno condannato boss mafiosi (Leoluca Bagarella, Antonino Cinà), ufficiali del Ros (Mario Mori, Antonio Subranni e Giuseppe De Donno), politici (l’ex senatore di Forza Italia, Marcello Dell’Utri) e il figlio di Vito Ciancimino, Massimo, per calunnia (reato che è stato dichiarato prescritto). Nella giornata di ieri sono state avvisate le parti della fissazione della data di udienza.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Stato-mafia, la Procura generale fa ricorso contro assoluzione Mannino

Calogero Mannino, storia del ''prequel'' della ''Trattativa''

Stato-mafia, su Mannino ''accertata assoluta innocenza''

Stato-mafia, Mannino assolto anche in Appello

L'assoluzione di Mannino in un Paese senza giustizia

Video

  • All
  • Antonio Ingroia
  • Cosa Nostra
  • Our Voice
  • Palestina
  • Pietro Riggio
  • Salvatore Borsellino
  • Video

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

...

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

by Letizia Battaglia, Sabrina Pisu

...


MAGISTROPOLI

MAGISTROPOLI

by Antonio Massari

...

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

by Gianluigi Nuzzi

...


OSSIGENO ILLEGALE

OSSIGENO ILLEGALE

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

...


LA STRAGE CONTINUA

LA STRAGE CONTINUA

by Raffaella Fanelli

...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy