Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Ieri le arringhe degli avvocati Contestabile e Sorace. "E' innocente"

"Esiste un solo modo per onorare la memoria di chi ha dato la vita per lo Stato: fare giustizia. E per fare giustizia non si può condannare un innocente all’ergastolo".
Con queste parole ha iniziato la propria arringa difensiva l’avvocato Guido Contestabile, legale dell'imputato Rocco Santo Filippone nel processo “'Ndrangheta stragista”. Tanto per Filippone, quanto per il boss di Brancaccio, Giuseppe Graviano la Procura di Reggio Calabria, rappresentata dal Procuratore aggiunto Giuseppe Lombardo, ha chiesto l'ergastolo, accusati del duplice omicidio dei carabinieri Fava e Garofalo e degli altri attentati ai carabinieri.
La scorsa settimana, davanti alla Corte d'assise presieduta da Ornella Pastore, era stata la volta delle parti civili, e tra ieri ed oggi parleranno le difese.
In primo luogo nella ricostruzione difensiva Rocco Santo Filippone non sarebbe il “mammasantissima” disegnato dall’ufficio di Procura, alla luce del fatto che “appare come figura ectoplasmatica nel corso degli anni, nonostante i tanti processi eseguiti sulle cosche nella Piana di Gioia Tauro”. Eppure, come ha ricordato il pm Lombardo, il nome di Filippone compare in altre inchieste antimafia, come quella Infinito dove in alcune intercettazioni si parla in termini chiari del ruolo dell'imputato.
Altro argomento ha riguardato le dichiarazioni di pentiti come Villani e Lo Giudice, definite come "ciarpame".
"Filippone arriva per la prima volta ad 80 anni ad essere giudicato per fatti di mafia", ha proseguito il legale che poi ha parlato di “paradosso processuale” nella ricostruzione della Dda reggina secondo cui Giuseppe Graviano e Rocco Santo Filippone sono i mandanti degli agguati ai carabinieri, eseguiti materialmente da Consolato Villani e da Giuseppe Calabrò: "’Ndrangheta e Cosa Nostra - ha sottolineato il legale - che si sarebbero alleate in un folle tentativo stragista iniziato con attentati ben studiati ed organizzati nei minimi dettagli, ad un certo punto inspiegabilmente si sarebbero affidate a due principianti, pur avendo a disposizione assassini professionisti capaci di commettere i delitti più atroci affidati loro con grande precisione, evidentemente solo per miseramente fallire".
Rivolgendosi alla Corte d’Assise, l’avvocato Contestabile ha sostenuto che "nei confronti di Rocco Santo Filippone bisogna emettere sentenza giusta che non è quella richiesta dall’opinione pubblica ma quella scritta nel codice. E nella sentenza di eventuale condanna si dovrà avere il coraggio di scrivere questo: Riina e i siciliani, i Piromalli e i calabresi avevano affidato le sorti della rivoluzione sanguinaria ad un minorenne e ad un maggiorenne con sindromi compartimentali. Alle vittime del processo - ha concluso il difensore di Filippone - non serve un colpevole, serve la verità. Per questa ragione affidiamo alla vostra coscienza le sorti di un innocente. Io capisco la difficoltà nell’affrontare le problematiche di questo genere e le aspettative che ci sono per questo processo. Condannare all’ergastolo Filippone significa condannare a morte un innocente".
Dello stesso avviso anche Angelo Sorace, anche lui difensore di Filippone, che ha sostenuto che il Filippone non è altro che "una persona che per 40 anni ha fatto l’agricoltore e percepisce la pensione come bracciante agricolo". Infine pur ammettendo che "la ricostruzione del pm è una cosa possibile", essa "non è probabile e non è certa". E, a suo dire, "eanche per questo non vi può essere condanna".

Foto © Emanuele Di Stefano

DOSSIER Processo 'Ndrangheta stragista

ARTICOLI CORRELATI

'Ndrangheta stragista, Ingroia: ''Graviano e Filippone non unici colpevoli. Altri hanno suggerito delitti''

'Ndrangheta stragista, per Graviano e Filippone chiesto l'ergastolo

'Ndrangheta stragista, Lombardo: ''Falange armata espressione di una sordida, inaccettabile, lotta per il potere''

Porto Sant'Elpidio appoggia sit-in Reggio Calabria in favore del pm Lombardo e magistrati Dda

Sant'Elpidio a Mare sostiene il sit-in in difesa dei magistrati reggini

Our Voice a Reggio Calabria: grideremo ''No alla 'Ndrangheta''

Sit-in Reggio Calabria, Pettinari: ''Evento per esprimere solidarietà a Lombardo e tutti i magistrati della Dda''

In Calabria noi diciamo No alla 'Ndrangheta

Agende Rosse a sostegno del Procuratore Giuseppe Lombardo

'Ndrangheta stragista, Lombardo: ''Filippone elemento di vertice. Da Villani e Lo Giudice contributo di verità''

'Ndrangheta stragista, Lombardo: ''Graviano e Filippone 'soggetti di mezzo' di un sistema di menti raffinatissime''

'Ndrangheta stragista, Lombardo spiega il ''Sistema criminale'' e la ''strategia politica''

'Ndrangheta stragista, Lombardo: ''Tra Graviano e Piromalli un comune denominatore imprenditoriale''

'Ndrangheta stragista. Lombardo: ''Graviano arrabbiato. Suo arresto non era parte dell'accordo''

'Ndrangheta stragista: ''Il riscontro di Spatuzza è nelle parole di Giuseppe Graviano''

Benvenuti a Reggio Calabria
Video in sostegno al pm Giuseppe Lombardo e ad i magistrati della Dda di Reggio Calabria

'Ndrangheta stragista, Lombardo: ''Graviano non ha parlato a caso''

'Ndrangheta stragista, Lombardo: ''Attentati ai carabinieri finalizzati a destabilizzare lo Stato''

'Ndrangheta, Cosa nostra e il sistema criminale integrato

'Ndrangheta stragista, si chiude l'istruttoria?

'Ndrangheta stragista, Di Giacomo rivela: ''In Calabria un direttorio come per Cosa nostra''

'Ndrangheta stragista: ''Non parlo più'', il boss Graviano cambia strategia

'Ndrangheta stragista, Graviano: ''Berlusconi mandante stragi? Per il momento non lo ricordo''

Graviano atto terzo: ''Dell'Utri è stato tradito''

'Ndrangheta stragista, Graviano: ''Mi incontrai con Berlusconi da latitante''

Graviano parla: ''Un imprenditore di Milano non voleva che si fermassero le stragi''

'Ndrangheta stragista: Calabrò, killer dei carabinieri, accusato di falsa testimonianza

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy