Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
"Non c'entro nulla. Mi avvalgo della facoltà di non rispondere"

Doveva essere sentito oggi, come teste, al processo d'appello Capaci bis l'ex poliziotto ed ex 007 Giovanni Peluso. Indagato come "compartecipe ed esecutore materiale" per la strage in cui morirono Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, e i tre agenti della scorta dopo le accuse del pentito nisseno Pietro Riggio, si è avvalso della facoltà di non rispondere.
L'ex poliziotto, davanti ai giudici della Corte d'Assise d'Appello di Caltanissetta, ha reso solo una dichiarazione spontanea nel corso della quale, così come aveva già fatto davanti ai pm che lo avevano interrogato, ha ribadito la sua innocenza: "Con la strage non c'entro nulla, proprio quel giorno mi trovavo a fare il corso come soprintendente alla scuola di polizia". Dopo la breve dichiarazione spontanea, ha risposto a un legale che gli chiedeva se ha denunciato per calunnia il pentito Pietro Riggio, che lo accusa della strage, ma Peluso ha risposto di no.
Ma cosa aveva riferito Riggio nei confronti dell'ex 007? In particolare aveva riferito di aver ricevuto delle confidenze da Peluso nel periodo in cui si trovavano entrambi a Santa Maria Capua Vetere ("Mi ha confidato di aver partecipato alla fase esecutiva della strage Falcone si sarebbe occupato del riempimento del canale di scolo dell'autostrada con l'esplosivo, operazione eseguita tramite l'utilizzo di skateboard”).
"Tu sei sicuro che a premere il telecomando della strage fu Brusca?' - gli avrebbe domandato Peluso durante una conversazione - e ho dedotto che non avesse premuto Brusca, io mi sentii raggelare perché era una verità che si sapeva cioè che fosse stato Brusca e la mafia. In quel momento, invece, capii che oltre a loro c'erano altre persone che si erano interessate di questa situazione. Capii che mi trovavo in pericolo e che stavo giocando con un gioco più grande di me". Imputati del cosiddetto processo "Capaci bis" sono i boss Salvo Madonia, Giorgio Pizzo, Cosimo Lo Nigro, Lorenzo Tinnirello e Vittorio Tutino. I primi quattro, in primo grado, vennero condannati all'ergastolo mentre Tutino venne assolto per non aver commesso il fatto.

Foto © Shobha/Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

''Capaci Bis'', ex poliziotto Peluso assente ingiustificato

Fiume in piena Riggio: ''Dietro le stragi anche una donna dei 'servizi libici'''

Strage di Capaci, ''un ex poliziotto mise l'esplosivo sotto l'autostrada''

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UNA CITTA' IN PUGNO

UNA CITTA' IN PUGNO

by Antonio Fisichella

...

DOPPIO LIVELLO

DOPPIO LIVELLO

by Stefania Limiti

...


FRATELLI TUTTI

FRATELLI TUTTI

by Jorge Mario Bergoglio

...

NARCOS CARIOCA

NARCOS CARIOCA

by Mattia Fossati

...


LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy