Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

toga-web0Capaci bis, Mario Santo Di Matteo: “Gioé mi disse che Bellini era dei Servizi”
di AMDuemila - 26 novembre 2014
“Paolo Bellini era un uomo appartenente ai servizi segreti. Me lo disse Antonino Gioé. Si era avvicinato per uno scambio di favori. Lui chiedeva di recuperare un quadro e in cambio si sarebbe messo a disposizione per interessarsi per alcuni processi, per il carcere duro e i carcerati per tramite di un personaggio che non conosco, forse politico. Riina e Brusca erano informati di tutto e Gioé non faceva niente se non c’era il loro ok. Io conobbi Bellini perché Gioé lo portò anche a casa mia. Lui l’aveva conosciuto in carcere sotto un altro nome. A Bellini lo rividi in carcere tempo dopo ma restò sempre vago su certi argomenti”. Tuttavia il pentito non è riuscito ad essere molto preciso sugli incontri tra Gioé e Bellini collocandoli in tempi antecedenti alla strage di Capaci. “Queste cose tra Gioé e Bellini erano presi con le pinze. Da quello che so poi non se ne è fatto nulla - ha aggiunto Di Matteo - Gioé lo aveva conosciuto al carcere di Sciacca ed anche lui diceva che doveva stare attento a come parlava”. Di Matteo ha anche parlato dell’ultimo dialogo avuto con Nino Gioé prima del suicidio in carcere alla fine di luglio: “Aveva la barba lunga si affacciò alla finestra mentre io passeggiavo durante l’ora d’aria. Gli dissi ‘ma che devi fare San Giuseppe’”. Lui era seccato ma mi disse che faceva colloqui con la famiglia tutti i giorni. Io capii che stava accadendo qualcosa, che stava parlando o iniziando a collaborare. Gli chiesi ‘che stai a combinà?’ e lui chiuse la finestra. Qualche tempo dopo, quando ero a l’Asinara, appresi al tg che si era ucciso. Lui aveva parlato di me nella lettera e vennero ad interrogarmi. Io sono sempre convinto che si sia ucciso perché aveva saltato il fosso”.


Capaci bis, Mario Santo Di Matteo: “Stragi una guerra allo Stato da parte di Riina”

Per il collaboratore di giustizia “in Cosa nostra non tutti erano d’accordo”
di AMDuemila - 26 novembre 2014
“Le stragi? Una Guerra allo Stato da parte di Riina. In Cosa nostra c’era a chi dava fastidio questa cosa”. A raccontarlo al processo Capaci bis, che per il terzo giorni si sta celebrando al carcere Rebibbia di Roma, è Mario Santo Di Matteo padre di Giuseppe, il bambino rapito da Cosa nostra e poi sciolto nell’acido. “Ricordo che mio padre lo disse ad Antonino Gioé, ‘questi vi porteranno a sbattere (riferendosi ai Corleonesi), voi non sapete chi è Riina, quando lo capirete sarà troppo tardi’. Riina aveva fatto sempre grandi tragedie in Cosa nostra già ai tempi di Liggio. Per le stragi poteva contare su famiglie fidate come per esempio i Madonia, i Brusca, i Ganci. E noi obbedivamo”. Il collaboratore di giustizia ha poi parlato del proprio ruolo al tempo delle stragi. In un suo possedimento, in contrada Rebottone, furono fatte alcune prove per l’esplosivo. “Ricordo che lo portò Agrigento - ha detto innanzi alla Corte d’assise nissena - era un esplosivo di tipo granuloso. Fu fatta una prova in campagna e venne fatto saltare un blocco di cemento. C’eravamo io, Gioé, Brusca, Rampulla, Bagarella. Pietro Rampulla era il tecnico che armava tutto. Ricordo che portò due telecomandi lui, ed altri due li avevamo comprati io e Brusca in un negozio di giocattoli. Un paio furono usati per Capaci. Gli altri due li consegnai a Gioé tempo dopo. Mi disse che li doveva dare ai Graviano”. Tra diversi non ricordo Di Matteo ha cercato di ricostruire le varie fasi dell’attentato che lo hanno visto protagonista solo in una prima parte, dopodiché fu messo a conoscenza dei fatti solo da Gioé. “Fui coinvolto anche nelle prove di velocità. Ricordo che viaggiavo in autostrada a circa 160 km/h. Serviva per capire se l’impulso al detonatore arrivava in tempo. Sulla montagnetta c’erano Gioé e Brusca, io passavo e c’era chi controllava se la lampadina faceva il flash”. Di Matteo ha anche detto di non ricordare se vi fosse stato il coinvolgimento di soggetti esterni a Cosa nostra nelle fasi dell’attentato e alla domanda se fossero stati simulati dei lavori stradali durante le fasi di preparazione de “l’Attentatuni” ha detto di “non ricordare” mentre in un verbale del 6 novembre 2013 ai pm aveva dichiarato di “escluderlo”.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy