Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Avrà inizio martedì prossimo la requisitoria della procura generale, rappresentata da Lia Sava e Antonino Patti, per il processo d'appello Borsellino quater, che si celebra davanti alla corte d'Assise d'Appello di Caltanissetta.
All'udienza di ieri l'accusa ha depositato una serie di documenti tra cui le sentenze sulle stragi del '92 di Capaci e di via d'Amelio, i casellari giudiziari dei boss che avrebbero avuto a che fare con Gaspare Spatuzza, il collaboratore di giustizia le cui dichiarazioni hanno consentito di riaprire le indagini sulla strage in cui persero la vita il giudice Paolo Borsellino e gli agenti della scorta. L'avvocato Flavio Sinatra, legale dei boss palermitani Salvatore Madonia e Vittorio Tutino, ha chiesto un termine per esaminare tutta la documentazione e per questo motivo l'udienza è stata rinviata a martedì. Imputati oltre a Madonia e Tutino, condannati in primo grado all'ergastolo per la strage di via d'Amelio a Palermo, ci sono anche i falsi pentiti Francesco Andriotta, Calogero Pulci e Vincenzo Scarantino. I primi due sono stati condannati a 10 anni per calunnia. Reato prescritto per il terzo che, come riconosce la sentenza di primo grado, è stato "indotto a mentire".

Dossier Processo Depistaggio via d'Amelio

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy