Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Indice articoli

Riina conferma Brusca

Escusso dagli avvocati difensori in sede di esame, il primo ottobre 1999, al processo stralcio per le bombe del ‘93, Salvatore Riina, benché dichiaratosi innocente, fornisce la sua sorprendente versione sulla trattativa e sulla strategia stragista. La riportiamo fedelmente:

 

Riina: Mah, signor avvocato, io mi dichiaro innocente, perché sono innocente, perché io mi trovavo al carcere di Roma, arrestato, in isolamento e quindi io sono stato carcerato quando sono successi queste cose, di Firenze, delle chiese di Roma, di Milano quindi io sono innocente.
Avv: Quindi signor Riina, lei di queste stragi che cosa ne sa? Nemmeno per sentito dire?
Riina: Ma niente perché, avvocato, mi trovavo in uno Stato per qualche sette, otto mesi, sette mesi circa che non avevo... ne autorizzato ne ai giornali ne alla televisione, ne cose,  quindi mi sono venuto a trovare in mancanza di notizie, totale, totale, cioè completamente. ... Quindi purtroppo era nel buio, viveva nel buio.
Non so niente.
Avv: Certo, signor Riina però, sono passati dal ‘93 circa sei anni, quindi lei avrà avuto modo di farsi un’idea di quello che sono state queste stragi. Lei ha notizie dirette o indirette se eventualmente in queste stragi abbiano avuto un campo importante alcuni soggetti tipo la massoneria, tipo i servizi segreti, tipo forze politiche?

Riina: Ma io le posso dire, mi sono fatto la mia convinzione perché ho letto... c’è il signor Brusca e il signor, è morto, un certo, non lo so quello al carcere di Rebibbia che avevano contatti con un certo Bellini. E questo Bellini, mi pare che è dei servizi segreti, di altre cose, non so. Però dietro sti Bellini, chi c’è, chi non c’è, chi c’è? Ci sono i servizi segreti? C’è la massoneria? Io questo posso dirci che ho appreso. Perché questo Bellini che si conosce con questo che lì è morto a Rebibbia e Giovanni Brusca che se li ascoltava in casa di questo lì ad Altofonte..., ma cosa c’era dietro di loro, dietro di questi? Questo so e questo gli posso dire. Cioè so per averlo appreso dei giornali, dei verbali, nelle televisioni, ma più che altro nei verbali.
Si parla di quadri, si parla di questo, si parla di questo Bellini, Bellini che era mandato in Sicilia. Ma chi lo mandò in Sicilia a Bellini? Eh.
E andò a trovare a Gioé. E Gioè, ... ora poi quando ci conviene è Riina, Riina, io all’oscuro di tutte queste cose, Riina era tenuto in una situazione che lo possono dire solo le guardie penitenziarie addette a me a Palermo e a Roma come ero tenuto io...
... Avvocato mio, io a volte mi domando, io, in questo processo come ci entro? Come ci traso? Questo è un altro processo come quello che mi hanno fatto a Reggio Calabria, né più né meno.

Riina spiega poi, su quesito dell’avvocato, il suo stato di massima sorveglianza in carcere e nega di conoscere il suo coimputato a processo Giuseppe Graviano adducendo alla cospicua differenza di età.
Il Pubblico Ministero poi lo controinterroga su quanto appena dichiarato, in particolare sulla sua idea delle stragi che va a coincidere perfettamente con quella di Brusca.
Se all’inizio il boss di schermisce ripetendo la sua conoscenza dei fatti solo grazie all’ascolto degli interrogatori, così risponde alla domanda del pm circa la veridicità di quanto testimoniato dal Brusca:
(...) Avv: Quindi io le sto facendo questa domanda, caro signor Riina, perché lei ha detto che si era fatto questa idea (quella del Brusca ndr.) che era l’idea giusta.
Riina: Mah io dico, no giusta, troppo giusta.
Avv: Prego? Quindi la ritiene giusta?
Riina: Ma io penso che è troppo giusta.
Avv: Troppo giusta, perfetto, quindi va benissimo.



ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy