Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

XXXII Anniversario Via d'Amelio - "NOI SAPPIAMO CHI SIETE"


XXXII Anniversario Via d'Amelio - "NOI SAPPIAMO CHI SIETE"


damelio 19luglio
50 anni mafia pc

strage via damelio phone

quarantanni di mafia 312x mobile

Opinioni

Di' la tua

travaglio-marco-web26di Marco Travaglio - 18 aprile 2014
I casi sono due: o il professor Giovanni Fiandaca, giurista di chiara fame candidato del Pd alle Europee, è molto furbo, oppure è molto ingenuo. Martedì, giorno in cui la Cassazione doveva decidere se confermare o annullare la condanna di Dell’Utri a 7 anni per concorso esterno in associazione mafiosa, Fiandaca pubblicava un articolo contro il concorso esterno sul Foglio di Ferrara&Berlusconi, da sempre colluso con Dell’Utri. E nel giugno 2013, vigilia della decisione della Corte d’assise di Palermo sulla richiesta degli imputati di spostare a Roma il processo sulla trattativa Stato-mafia, pubblicò sempre sul suo Foglio preferito un saggio intitolato “Il processo sulla trattativa è una boiata pazzesca”, previo pagamento del copyright al suo maestro, il ragionier Ugo Fantozzi.

La tesi, naturalmente, era che il processo dovesse traslocare a Roma, infatti i giudici decisero che restasse a Palermo. Non appena partì, Fiandaca scrisse in fretta e furia un “saggio” con lo storico Salvatore Lupo in cui si rimangiava anni di negazionismo: dopo aver sempre definito la trattativa “cosiddetta” e “presunta”, ammise che “la trattativa c’è stata”, ma la assolse in quanto “insindacabile penalmente” e “giuridicamente legittima”, ispirata dallo “stato di necessità” e “a fin di bene”. Quel bene che costò la vita a 16 persone e la salute a una quarantina nelle stragi di via D’Amelio, via dei Georgofili e via Palestro. Effetti collaterali. E soprattutto nessun reato e nessun colpevole. Il fatto che Fiandaca scriva i suoi manuali di diritto a quattro mani con l’avvocato Enzo Musco, difensore del generale Mori, è solo una coincidenza. Del resto il Pd ha un’attrazione fatale per gli avvocati della trattativa: ha appena portato alla Camera e al governo Umberto Del Basso de Caro, difensore di Nicola Mancino (e a sua volta inquisito per Rimborsopoli). E poi – turibola Claudia Fusani sull’Unità, la pravdina del Pd – “Fiandaca ha avuto il coraggio e il merito di criticare il processo sulla trattativa”. In effetti c’è voluto un bel coraggio, anche perché non l’aveva criticato nessuno, a parte tutti i giornaloni, i tg, i partiti e il Quirinale. Ora, per quelle critiche, Fiandaca paga un prezzo altissimo: una poltrona ben pagata al Parlamento europeo (l’ennesima, dopo quelle di membro del Csm, consulente governativo e membro di commissioni ministeriali) e una raffica di interviste-soffietto sui quotidiani di destra, centro e sinistra. Non sappiamo come abbia accolto la notizia Riina, dopo aver condannato a morte i pm che – privi del coraggio di Fiandaca – hanno istruito il processo sulla trattativa e, come direbbe Andreotti, se la sono cercata (Fiandaca però giura di “voler bene a Ingroia” ed essere “vicino a Di Matteo”). Possiamo invece immaginare la soddisfazione di Napolitano, che ha fatto di tutto per screditarli e punirli. Già, perché quei pm sono i nemici pubblici sia del capo dello Stato sia del capo della mafia, in perfetta coerenza logica con la trattativa Stato-mafia. Ora però, nel momento stesso in cui Fiandaca sbarcherà a Bruxelles e Strasburgo, tutto si risolverà: l’eurogiurista, vincendo la naturale ritrosia per le cadreghe, ha accettato la candidatura non solo per l’“incoraggiamento del vicesegretario Guerini e del ministro Orlando” (che è già una bella soddisfazione), ma soprattutto “per dire basta al populismo giudiziario”, a “vent’anni d’intoccabilità dei magistrati” (è quel che dice anche Berlusconi) e all’“antimafia gridata”. Lui la preferisce sussurrata. E “affrontata su basi legislative innovative”, a partire da una legge sul concorso esterno, troppo “vago”, “divisivo” e “polemògeno” (divide i politici mafiosi da quelli onesti e, processando i primi, si creano polemiche; ma niente paura: la nuova legge li farebbe saltare tutti, compreso quello a Dell’Utri). Ora regalerà all’Italia e all’Europa “un’antimafia concreta, fondata sui fatti”. Perché “a me non interessa sapere se la trattativa ci sia stata o meno: non sono giustificazionista”. Vero: lui è fregazionista.

Tratto da:Il Fatto Quotidiano del 18 aprile 2014

Video

  • All
  • CSM Consiglio Superiore Della Magistratura
  • Paolo Borsellino
  • Salvatore Borsellino
  • Sebastiano Ardita
  • Strage Di Via D'Amelio
  • Video
  • Default
  • Title
  • Date
  • Random

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL MISTERO DEL CASO GIOE'

IL MISTERO DEL CASO GIOE'

by Aaron Pettinari

...

MAFIA EGEMONE

MAFIA EGEMONE

by Elio Collovà

...


LE DONNE DELLE STRAGI

LE DONNE DELLE STRAGI

by Federico Carbone, Massimiliano Giannantoni

...

LA SCELTA

LA SCELTA

by Sigfrido Ranucci

...


PENTITI

PENTITI

by Luca Tescaroli

...

IL GRIFONE

IL GRIFONE

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

...


AL DI SOPRA DELLA LEGGE

AL DI SOPRA DELLA LEGGE

by Sebastiano Ardita

...

COLLUSI

COLLUSI

by Nino Di Matteo, Salvo Palazzolo

...


Libri in primo piano

CINQUANT'ANNI DI MAFIA

CINQUANT'ANNI DI MAFIA

by Saverio Lodato

...

IL COLPO DI SPUGNA

IL COLPO DI SPUGNA

by Nino Di Matteo, Saverio Lodato

...

IL PATTO SPORCO E IL SILENZIO

IL PATTO SPORCO E IL SILENZIO

by Nino Di Matteo, Saverio Lodato

...

I NEMICI DELLA GIUSTIZIA

I NEMICI DELLA GIUSTIZIA

by Nino Di Matteo, Saverio Lodato

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos