Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

La rubrica di Saverio Lodato

La rubrica di Saverio Lodato

utd home deskpot 
 
20201217 40 anni di mafia 1150 hp

quarantanni di mafia 312x mobile

quarantanni di mafia 312x mobile

Casa del Sole / Giulietto Chiesa

repici-fabio-webdi Fabio Repici - 28 novembre 2011
Caro Giorgio, caro Lorenzo e cari amici di AntimafiaDuemila, vi scrivo dopo aver letto il commento da voi dedicato a Gioacchino Genchi (meglio, a una sua intervista rilasciata al periodico “S”) sotto il titolo “Una questione di scelte”. Sono rimasto sinceramente turbato e avverto l’esigenza (anche per dovere di lealtà nei vostri confronti) di manifestarvi il mio spiazzamento. Non per le vostre legittime opinioni, sia chiaro.



Nel senso che non mi avrebbe sorpreso per nulla il vostro “dispiacere” nel vedere il vostro storico amico Gioacchino Genchi difendere un personaggio come l’imprenditore Di Vincenzo, sul quale per molti anni voi avete scritto ripetutamente articoli, ricostruzioni e commenti ferocemente critici. Che io, se può interessare, ho pure spesso condiviso: per Di Vincenzo non ho alcuna stima, tantomeno avendo letto sue dichiarazioni palesemente calunniose nei confronti di Giuseppe Lumia, rese quando l’imprenditore nisseno era assistito da tutt’altri difensori. Il fatto è che della vostra abbastanza prevedibile intima contrarietà avete fatto un pubblico avvenimento.
Anche a me, come a voi, dispiace che Gioacchino Genchi non possa più dare allo Stato il contributo enorme che per decenni ha assicurato come funzionario di polizia e come ausiliario di giudici e pubblici ministeri. Ma ciò non è più possibile solo a causa della rappresaglia di Stato a tutti nota e da pochi, voi sicuramente fra questi, adeguatamente denunciata. Genchi non è più un funzionario di polizia perché si è permesso di criticare in pubblico Silvio Berlusconi (Berlusconi!) e non è più un ausiliario della magistratura perché messo sotto processo su iniziativa di inqualificabili magistrati della Procura generale di Catanzaro e del famigerato Ros che ne hanno determinato l’avvio a Roma sotto le cure, fra gli altri, del mitico Achille Toro. Per questo oggi Genchi fa l’avvocato. Gli si vuole contestare anche gli incarichi privati assunti da professionista? Mi sembra un fuor d’opera.
Certo, rimarrei sconcertato anch’io se domani apprendessi che Genchi fosse diventato il legale di Renato Schifani. In quel caso, però, Gioacchino avrebbe sicuramente un futuro come Autorità indipendente (per la tutela della privacy, magari), senza nemmeno bisogno del corredo di autorevoli dichiarazioni di stima del tipo di quelle lette per l’avvocato di Schifani la settimana scorsa sul Corriere e che immagino abbiano lasciato basiti (ma in silenzio) anche voi. E da analogo sconcerto sarei rapito se domani si sapesse che Genchi è diventato il difensore di qualche politico processato (e definitivamente condannato) per la vicenda delle Talpe di Palermo o di qualche toga coinvolta in un giudizio su gravi deviazioni nella gestione delle carceri. Ma di sicuro quello sconcerto rimarrebbe solo un sentimento privato. Come quello che vi avrà assalito, cari amici, tante volte, senza per questo tradurre il vostro stupore in un duro editoriale.
Criticare pubblicamente un avvocato per la figura o il nome di un suo cliente, converrete con me, è un non sense. Ovvio: difendere Gioacchino Genchi o difendere anche voi dalle accuse di diffamazione è umanamente e professionalmente più gratificante che difendere Di Vincenzo. La contestazione pubblica sarebbe doverosa nel caso di scorrettezza nell’esercizio della professione, non certo per il fatto di contrastare la posizione processuale di una controparte che in questo caso può essere un pubblico ministero stimato da tutti ma che domani potrebbe essere una toga infedele o semplicemente imbelle come purtroppo alle volte capita. La vostra critica pubblica di oggi a Genchi, invece, mi sembra che abbia il solo effetto – so bene, di là dalla vostra volontà e dalle vostre previsioni – di completare il tentativo di isolamento di quell’uomo. Che oggi fa l’avvocato ma che almeno, a differenza della gran parte dell’avvocatura e anche di certa magistratura, per decenni ha contrastato mafiosi e criminali di Stato con capacità e dedizione davvero impareggiabili.
È assurdo muovere pubbliche contestazioni per il ruolo che qualcuno – rettamente, sapete meglio di me – svolge nelle aule di giustizia. Ripensate, caro Giorgio e caro Lorenzo, alla pesantezza fallace delle vostre parole su Gioacchino, prima che dobbiate sentirvi costretti a togliere, per banale coerenza e per senso delle proporzioni, il saluto alla quasi totalità dell’avvocatura e della magistratura italiane.

Fabio Repici

 

TAGS:

Video

  • All
  • Francesca Morvillo
  • Giovanni Falcone
  • Immigrazione Migranti
  • Marcello Dell'Utri
  • Our Voice
  • Salvatore Totò Cuffaro
  • Saverio Lodato
  • Video
  • Default
  • Title
  • Date
  • Random

Le recensioni di AntimafiaDuemila

AL DI SOPRA DELLA LEGGE

AL DI SOPRA DELLA LEGGE

by Sebastiano Ardita

...


QUALCOSA CI INVENTEREMO

QUALCOSA CI INVENTEREMO

by Patrizia Maltese

...

NESSUNO ESCLUSO

NESSUNO ESCLUSO

by Sandra Rizza

...


MAFIA

MAFIA

by Antonio Balsamo

...

THE END 1992-1994

THE END 1992-1994

by Andrea Spiri

...


FRANCESCA

FRANCESCA

by Felice Cavallaro

...

UOMINI SOLI

UOMINI SOLI

by Attilio Bolzoni

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy