Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Saverio Lodato L'Italia di ladri e ladroni e Venezia che affonda. Massimo Cacciari a Otto e mezzo

L'Italia di ladri e ladroni e Venezia che affonda. Massimo Cacciari a Otto e mezzo

di Saverio Lodato
L’Italia è un gran bel paese di ladri e ladroni. E in questa affermazione, il qualunquismo non c’entra per niente. E dicendolo, non si fa peccato mortale di populismo. Come non lo fecero gli autori delle Mille e una notte, restituendoci il ritratto del taglialegna Alì Babà che scoprì casualmente, e poi riuscì a punire, la banda dei quaranta ladroni. E’ un paese di ladri, l’Italia, tutto qui. E quanto sta accadendo a Venezia sta lì a dimostrarlo.
L’altra sera, bastava ascoltare Massimo Cacciari, intervistato da Lilli Gruber a Otto e mezzo, per averne prova certa e certificata. Niente da aggiungere.
Cacciari, che di Venezia è stato sindaco per tre volte, quindi si presume che parli con una certa qual cognizione di causa, ha ricordato, con nomi e cognomi, quali sono stati i responsabili di una storia infinita, quella del Mose; la faraonica, avveniristica, avanguardistica, opera di sbarramento contro la quale le acque dell’ Adriatico sarebbero andate a sbattere a muso duro, non riuscendo mai più a mettere piede in Laguna. Si dà il caso, però, che l’opera, che ha avuto padrini e madrine di ogni colore e governo, è rimasta a metà. E ora galleggia con mestizia.
Adesso tutti si chiedono: come mai è rimasta a metà?
Ma che razza di domanda è, se vien posta nel paese dei ladri? Opera costata sino a questo momento, dettaglio da non tralasciare: 5 miliardi. Cos’altro c’è da capire?
Ma non è tutto: infatti, sempre secondo il professor Cacciari, resta da dimostrare che il Mose fosse il toccasana adatto per lo scopo che si voleva raggiungere, mentre altre soluzioni, assai più economiche - e, a sentir lui, di più garantita efficacia - non vennero neanche prese in considerazione, proprio a causa di importi di spesa prevista ritenuti troppo modesti.
Quasi in contemporanea, ecco la diagnosi d’un altro veneziano doc, Arrigo Cipriani, titolare del leggendario ristorante Harry’S Bar (ci mangiava, e beveva, Hemingway): “Negli anni, tutti i politici italiani con l’elmetto andavano a visitare il Mose. Ma non capivano che era assolutamente un’opera assurda, che serviva solo per rubare, rubare, rubare. Però nessuno è in galera”. Giustizialista, il Cipriani, verrebbe da dire.
Colpisce - e fa quasi ridere - che in queste ore stia partendo il gran coro: “tanto per cominciare finiamo di fare il Mose”. Sembra l’unica parola d’ordine possibile di fronte all’acqua alta di Venezia, in questo paese dove, se ti permetti di avanzare una critica, vieni fucilato sul posto per “reato di prevenzione ideologica”.
Ma statene certi.
Appena qualche altro cialtrone tornerà a rilanciare l’opera faraonica del Ponte sullo Stretto di Messina, l’Italia, il gran bel paese di ladri e ladroni, applaudirà a scena aperta. E chi si dirà contrario all’idea, verrà fucilato sul posto.

📫 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

🖋 La rubrica di Saverio Lodato

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa