Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Saverio Lodato Ah se Marcello Dell'Utri si pentisse! Povero Silvio Berlusconi

Ah se Marcello Dell'Utri si pentisse! Povero Silvio Berlusconi

di Saverio Lodato
Fratelli-coltelli, ma in questo caso meglio dire: gemelli-coltelli.
La paura della legge infatti, il timor panico della giustizia che, anche se con notevolissimo ritardo sull’epoca dei fatti, alla fine può sempre arrivare, separa, e questa volta per sempre, i gemelli di Forza Italia; entrambi avanti negli anni, entrambi ingolfati sino al collo nella sabbie mobili di mafia e trattative fra lo Stato e la Mafia, entrambi monumenti viventi di una stagione politica che non c’è più.
Storia infinita, ma che adesso finisce.
Storia di un sodalizio idilliaco, ma che adesso si sfilaccia sotto telecamere e a microfoni accesi.
Storia di un addio annunciato, e che adesso si porterà dietro sordi rancori e acide recriminazioni, disillusioni e ripicche.
Stiamo parlando di Silvio Berlusconi e Marcello Dell’Utri, co-ideatori, co-fondatori, co-Padri Padroni della stessa creatura: il grande partito dei moderati che doveva sbarrare la strada al comunismo. E ai magistrati.
Con una differenza: l’uno, Berlusconi, a modo suo è sempre in sella; distribuisce ancora carte, anche se da un mazzo ormai bisunto dall’uso; va racimolando i fedelissimi di un tempo da usare come l’ultima armata da schierare a difesa delle sue aziende, dei suoi interessi, di una serena vecchiaia, sulla scacchiera della politica italiana.
L’altro, Marcello Dell’Utri, sconta, ai domiciliari, una sentenza per mafia passata in giudicato, e con un’altra in primo grado a dodici anni si è visto scaricare sulle sue sole spalle una lettura criminale degli anni d’oro di Forza Italia.
Il punto è proprio questo.
La recente notizia che Berlusconi è stato nuovamente iscritto nel registro degli indagati dalla Procura della Repubblica di Firenze per le stragi di Roma, Milano, Firenze, e per quella (mancata) dell’Olimpico e per l’agguato a Maurizio Costanzo, ha infatti indotto i suoi avvocati, Nicolò Ghedini e Franco Coppi a consigliare al loro assistito di non testimoniare al processo d’appello di Palermo sulla Trattativa Stato-Mafia, avvalendosi della facoltà di non rispondere.
Testimonianza, quella di Berlusconi, sollecitata proprio dalla difesa del gemello, gli avvocati di Dell’Utri, nella speranza e nell’implicita richiesta che il cavaliere venisse a dargli una mano. E che il presidente della corte d’Assise d’Appello, Angelo Pellino, aveva accolto.
Berlusconi non se l’è fatto ripetere due volte.
Ha tenuto la bocca cucita, non ha autorizzato riprese televisive, non ha speso neanche una parola in difesa del suo gemello caduto in disgrazia. Anche in ciò si vede la fine di un’epoca: quando il cavaliere, persino sull’argomento di mafia e stragi, era solito metterci la faccia, con dichiarazioni fiume, condite da lazzi e barzellette all’indirizzo dei pubblici ministeri suoi persecutori. I tempi sono cambiati.
E adesso?
Visto come si sono messe le cose, Marcello Dell’Utri, dal suo punto di vista e nella sua condizione, una cosa potrebbe ancora farla: parlare.
Rompere il patto del silenzio.
Rifiutarsi di bere una doppia razione di cicuta. Dimostrare che non intende assecondare vecchi codici omertosi e amicali.
Raccontarla lui, ma per davvero, l’intera storia della nascita di Forza Italia. E di come e perché quella storia intrecciò pesantemente quella di Cosa Nostra e dei suoi capi bastone.
Quante volte si è detto, in questi decenni, ci vorrebbe un Tommaso Buscetta della politica, un Tommaso Buscetta delle istituzioni, per venire finalmente a capo di questa storia criminale infinita. A occhio diremmo che Dell’Utri ha tutta la statura necessaria per occupare un simile ruolo a tutt’oggi vacante.
Qualcuno si indignerà ritenendola proposta indecente.
Ma a essere indecenti, semmai, sono i fatti - inoppugnabili, innegabili - che riempiono migliaia di pagine processuali.
E sui quali Marcello Dell’Utri potrebbe dire parole che a nessuno sarebbe più consentito ignorare.
Speriamo che ci faccia un pensierino.

📫 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

🖋 La rubrica di Saverio Lodato

📸 Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...

THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...


LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...

UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...


ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...

GLI AGNELLI

GLI AGNELLI

by Antonio Parisi

Quando il conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, insieme...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa