Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Saverio Lodato Bruno Vespa batte Piercamillo Davigo 3 a 1

Bruno Vespa batte Piercamillo Davigo 3 a 1

vespa davigo la7di Saverio Lodato
L’Europa ci rimprovera perché siamo indebitati, non perché siamo mafiosi. L'Europa si lamenta da anni perché non riusciamo a contenere le spese, perché non facciamo nulla per rientrare, perché spendiamo ben oltre le nostre possibilità; non ci rimprovera perché le mafie di ogni regione e di ogni colore e di ogni nome, da decenni, si sono incuneate in maniera pervasiva e duratura nel Sistema Italia, drenando risorse pubbliche che a quel debito hanno contribuito in maniera gigantesca.
Se l'Europa, qualche volta, ci ricordasse che da noi c'è “troppa mafia”, e che gradatamente faremmo bene a “rientrare”, o che lo Stato farebbe meglio a tenersi alla larga dalle Mafie, state sicuri che gli europeisti convinti diminuirebbero a vista d'occhio. Siccome ciò non accade, in Italia il diavolo può tranquillamente convivere con l’acqua santa. Tanto tutti sanno benissimo che non pagheremo mai i nostri debiti, e che delle mafie non riusciremmo mai a farne a meno. Quindi va bene così.
Il recente match televisivo fra Bruno Vespa e Piercamillo Davigo, enfatizzato da tutti i media con candido stupore, andato in onda qualche sera fa, e con la prescrizione si o no come pretestuoso oggetto del contendere, cosa ci dice in fondo?
Ci dice che l'Italia non è un Paese per i Davigo, è un paese per i Vespa. E poco importa se per un ascoltatore non compromesso in qualche modo con la palude italica, la logica e gli argomenti addotti fossero tutti dalla parte di Davigo.
Da noi, proverbialmente, quasi atavicamente, la furbizia se ne fa polpette della logica. E il discorso potrebbe concludersi qui.
Poi, lasciando da parte la trasmissione, e se proprio volessimo essere pedanti e petulanti, potremmo continuare.
Dicendo che: chi si trova in Italia ai vertici delle istituzioni, avverte un prurito da orticaria al solo sentir parlare di giustizia e legalità; che i magistrati, quelli che fanno i magistrati si capisce, vengono percepiti come una perniciosa escrescenza del sistema democratico; che non solo “comandare è meglio che fottere” (made in Sicily), ma persino rubare è un piacere superiore a quello dell’onestà (addio Pirandello); che persino la vista della Verità, da noi, si presenta come qualcosa di eccessivamente accecante, che è sempre meglio temperare con gli occhiali neri delle menzogne, calunnie, veleni, carte e testimonianze false, silenzio a palate (“L’Italia è un Paese senza verità”, sintetizzò Leonardo Sciascia).
E dicendo che: l’Italiano Delinquente appare sempre più coriaceo, convinto delle sue buone ragioni, più dalla parte della legge, motivato e convincente, di quanto non lo sia l’Italiano Onesto, timido, insicuro dei suoi valori, istintivamente fragile, pieno di dubbi e ripensamenti, trovandosi fra vasi di coccio di tal portata.
I Delinquenti di ogni risma in tv fanno ottimi ascolti. Gli Onesti fanno precipitare l’audience. È l’Italia, bellezza. E i Davigo, farebbero bene a farsene una ragione... in generale, s'intende. E scherzando, anche; ma non troppo, e si intende, anche in questo caso.

VIDEO Guarda il botta e risposta a Dimartedì (La7) tra Piercamillo Davigo e Bruno Vespa


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


La rubrica di Saverio Lodato

ARTICOLI CORRELATI

A ''Dimartedì'' è botta e risposta tra Vespa e Davigo
Lo scontro su Berlusconi e la prescrizione

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...

LA MAFIA DEI PASCOLI

LA MAFIA DEI PASCOLI

by Nuccio Anselmo, Giuseppe Antoci

Milioni di euro guadagnati per anni in silenzio...


BLOODY MONEY

BLOODY MONEY

edited by Massimiliano Virgilio

Un sistema di corruzione politica che ruota intorno...

PROFONDO NERO

PROFONDO NERO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Erano gli anni Settanta. Il giornalista De Mauro...


CASAMONICA

CASAMONICA

by Nello Trocchia

È il 20 agosto 2015 quando per la...

UN'AVVENTURA SINDACALE

UN'AVVENTURA SINDACALE

by Anna Vinci

Figlia di madre nubile, nata e cresciuta in...


PECUNIA NON OLET

PECUNIA NON OLET

by Alessandro Da Rold

"Seguite i soldi, troverete la mafia".Giovanni Falcone"Se ‘Vituzzu’...

IN CULO ALLA MAFIA

IN CULO ALLA MAFIA

by Emanuele Cavallaro

È un testimone di giustizia. Che non è...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa