Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Saverio Lodato Bernardo Provenzano morì trattato come un principe

Bernardo Provenzano morì trattato come un principe

provenzano bernardo bn 850di Saverio Lodato
Parliamo ancora di Provenzano. Del mafioso Capo Cupola, lo fu per anni e anni dopo la cattura di Riina, responsabile di stragi e delitti, e condannato a quasi una decina di ergastoli. E parliamone ancora, perché oggi qualcuno vorrebbe farlo passare per vittima e per santo, per capro espiatorio e vecchietto ammalato, cui vennero negate dallo Stato le cure necessarie al punto da farlo morire.
Quante balle, dette e scritte.
Quante falsità.
Quanta malafede, nell’agitare quel drappo del vecchietto fatto a pezzi dai suoi carcerieri.
E il tutto quantificato in un risarcimento da 150 mila euro, che la stessa commissione “europea” ha respinto al mittente. Come diceva Bertolt Brecht: “Rigiratela come più vi pare, prima vien la pancia e poi vien la morale”.
Bello, insomma, sarebbe stato, per qualcuno, se si fosse stabilito il principio che lo Stato italiano deve ricoprire di soldi i mafiosi che detiene in carcere per stragi e per delitti. Forse in Italia arriveremo anche a questo, ma per il momento le persone per bene possono tirare un respiro di sollievo per lo scampato pericolo.
Il fatto è che negli ultimi due anni di vita gli vennero messi a disposizione, al Provenzano, una camera singola con bagno, 8 medici, 14 infermieri, 9 operatori socio sanitari, un’assistenza sanitaria 24 ore su 24. A raccontarlo è Claudio Rognoni, primario dell’unità di medicina protetta dell’Ospedale San Paolo di Milano, che ebbe in cura il mafioso stragista illustre, in un’intervista rilasciata poco dopo la pronuncia “europea” che aveva stigmatizzato il ricorso al 41 bis per un paziente che non si reggeva in piedi. E qui riprodotta.
Intervista ignorata, calata sotto silenzio, perché quando si tratta di far casino non si può andare tanto per il sottile.
C’è un primario che in prima persona racconta che Provenzano veniva accudito nel letto ogni mezz’ora, tanto che morì senza una piaga di decubito?
C’è un primario che ricorda i suoi colloqui con moglie e figli del Provenzano che seguivano le cure al loro congiunto?
C’è un primario che dichiara che Provenzano sino al suo ultimo giorno di vita fu “trattato come un Principe” e che se fosse stato rimandato a casa sua non sarebbe sopravvissuto “più di due settimane”?
Ma chi se ne importa del primario?
Famo casino. Agitiamo il drappo rosso del vecchietto seviziato dai carcerieri. Qualche cosa resterà. Lo chiamano: il Diritto alla Difesa. E di starsene zitti non ci pensano nemmeno. Anzi: innervositi come sono, straparlano.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La rubrica di Saverio Lodato

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

by Floriana Bulfon

Un documento giornalistico straordinario e di estrema attualità,...

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...


IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...

FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...


IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...

AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa