Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Saverio Lodato La musica è cambiata. Lo Stato dietro via d'Amelio

La musica è cambiata. Lo Stato dietro via d'Amelio

lodato saverio cprof c paolo bassani 2018di Saverio Lodato
"È uno dei più gravi depistaggi della storia giudiziaria italiana". Che si poteva dire di più? Parole che non potrebbero essere più chiare. Parole che sono alla base della riapertura delle indagini su poliziotti ancora in servizio, sospettati di reati pesantissimi. Parole che definiscono un orrendo scenario sullo sfondo della strage in cui persero la vita Paolo Borsellino e uomini e donne della sua scorta. E che si spingono oltre, indicando in quell'Arnaldo La Barbera, poliziotto che guidava la task force sulle indagini, il Depistatore Principe con un ruolo diretto nella sparizione "dell'Agenda rossa".
Le motivazioni della sentenza quater su via d'Amelio, Corte d'Assise presieduta da Antonio Balsamo, giudice a latere, Janos Barlotti, andranno a fare il paio con quelle, che presto leggeremo, di Alfredo Montalto, presidente della seconda Corte d'Assise di Palermo, e di Stefania Brambille, a seguito della pesante condanna inflitta agli imputati per la Trattativa Stato-Mafia.
Cosa diranno ora i minimalisti della materia, quelli che volevano convincerci che avevamo assistito a uno stragismo straccione, frutto solo di responsabilità mafiose?
La suoneranno ancora la musichetta dei pubblici ministeri che, divorati dal protagonismo, inseguono "entità superiori", oltre Cosa Nostra, che invece non esistono in natura?
E certi storici la diranno qualche parolina per spiegarci i comportamenti di interi pezzi deviati dello Stato?
Capiranno tutti, minimalisti, storici e opinionisti del travestimento della verità, che la musica è cambiata? Che, un quarto di secolo dopo, con piede lento, la magistratura sta rimettendo ordine?
Si rassegneranno all'evidenza che non di solo Mafia fu insanguinata l'Italia?
Ne dubitiamo. Ci sono sempre sembrati troppo ostinati nell'errore, quasi avessero qualche peccatuccio da farsi perdonare.

Foto © Paolo Bassani

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La rubrica di Saverio Lodato

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...

LA MAFIA DEI PASCOLI

LA MAFIA DEI PASCOLI

by Nuccio Anselmo, Giuseppe Antoci

Milioni di euro guadagnati per anni in silenzio...


BLOODY MONEY

BLOODY MONEY

edited by Massimiliano Virgilio

Un sistema di corruzione politica che ruota intorno...

PROFONDO NERO

PROFONDO NERO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Erano gli anni Settanta. Il giornalista De Mauro...


CASAMONICA

CASAMONICA

by Nello Trocchia

È il 20 agosto 2015 quando per la...

UN'AVVENTURA SINDACALE

UN'AVVENTURA SINDACALE

by Anna Vinci

Figlia di madre nubile, nata e cresciuta in...


PECUNIA NON OLET

PECUNIA NON OLET

by Alessandro Da Rold

"Seguite i soldi, troverete la mafia".Giovanni Falcone"Se ‘Vituzzu’...

IN CULO ALLA MAFIA

IN CULO ALLA MAFIA

by Emanuele Cavallaro

È un testimone di giustizia. Che non è...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa