Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Saverio Lodato Nicola Mancino: incontrai Paolo Borsellino! Si sapeva già ma lui oggi lo ammette

Nicola Mancino: incontrai Paolo Borsellino! Si sapeva già ma lui oggi lo ammette

mancino nicola c ansa 4di Saverio Lodato
Parole pronunciate quasi d’un fiato, dopo sei anni di processo sulla Trattativa Stato-Mafia, sul filo dei secondi finali. Parole per certi versi impreviste, imprevedibili. Un lancio lungo in area avversaria - si direbbe calcisticamente - mentre si è sotto di un goal e stanno scadendo i minuti di recupero.
Prova ne sia che la Corte d’Assise di Palermo, presieduta da Alfredo Montalto, giudice a latere Stefania Brambille, chiamata ad emettere sentenza, si è ritirata in camera di consiglio subito dopo aver raccolto l’ultima accorata autodifesa di Nicola Mancino, già vice presidente del CSM, ministro degli interni, presidente del Senato, in anni che furono. E oggi alla sbarra per falsa testimonianza.
Ce n’è voluto. Mancino ha ammesso con parole chiare e inequivocabili di avere conosciuto e incontrato Paolo Borsellino, in quella fatidica data del 1 Luglio 1992.
Circostanza per anni da lui sempre negata. Da lui sempre respinta, come fosse invenzione dei suoi calunniatori. Con il plateale ricorso alle sue agende personali, dove, a quella data, nessun incontro, con il magistrato che di lì a diciotto giorni sarebbe stato assassinato in Via D’Amelio, risultava per iscritto. E se l’incontro con Borsellino non era in agenda - arguiva Mancino - ciò significava che quell’incontro non era mai avvenuto. Poi, messo alle strette da accusa e testimoni, aveva finito con il riconoscere che qualche approccio con il giudice, che poi era stato assassinato, poteva pure esserci stato.
Dice oggi Mancino: "Quel giorno, appena eletto ministro degli interni, il capo della polizia mi disse che il dottor Borsellino voleva salutarmi. Ci fu solo una stretta di mano, solo quella, nessun dialogo… Tutto il resto è una grande congettura". Quindi, l’incontro ci fu.
E verrebbe da chiedersi: perché "solo una stretta di mano, solo quella, nessun dialogo…"?
Stiamo parlando di un ministro dell’interno, appena nominato, che incontra il magistrato che è erede naturale di Giovanni Falcone, massacrato a Capaci, appena quaranta giorni prima, insieme a moglie e uomini della scorta.
Mentre l’Italia è in ginocchio. Mentre l’opinione pubblica è sconvolta per la strage di Capaci. Mentre il mondo guarda all’Italia. E invece, dice Mancino: solo una stretta di mano, nessun dialogo. Sembra quasi il protocollo comportamentale quando si incontra un "contagiato". Ma così è.
Mancino, che aveva sempre negato l’incontro, avrà sudato sette camicie prima di questa sua definitiva ammissione. Un’ammissione che mette una pietra su tutte le sue incertezze, i suoi ripensamenti, i suoi dico e non dico, i suoi dico ma non mi ricordo, con i quali era andato avanti nella speranza di glissare su uno snodo decisivo. Prendiamone atto.
E prendiamo atto anche di quest’altro passaggio del suo sfogo finale: "Con le telefonate all’allora consigliere giuridico del Presidente della Repubblica, Loris D’Ambrosio, non volevo assolutamente interferire sull’attività dei magistrati di Palermo. Chiedevo il coordinamento, non l’avocazione. A posteriori, dichiaro che era preferibile non telefonare".
E già: sarebbe stato senz’altro meglio.
E meglio ancora sarebbe stato evitare anche il successivo scambio di telefonate con Giorgio Napolitano, allora capo dello Stato.
Brutta pagina della storia d’Italia.
Brutta pagina istituzionale.
E’ la storia di questo processo che in tanti avrebbero voluto che non fosse mai stato celebrato. Invece, il processo si è svolto regolarmente nel rispetto dei diritti di tutte le parti. E persino l’ultimo sfogo di Mancino, che ha ricordato ora ciò che non ricordò allora, dimostra che andava fatto.
Adesso la parola passa alla Corte.

Foto © Ansa

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ARTICOLI CORRELATI

Stato-mafia, la Corte si ritira in Camera di Consiglio

La rubrica di Saverio Lodato

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...


FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...

IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...


AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA DEI PASCOLI

LA MAFIA DEI PASCOLI

by Nuccio Anselmo, Giuseppe Antoci

Milioni di euro guadagnati per anni in silenzio...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa