Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Saverio Lodato Veronica Lario, femminista per un giorno solo

Veronica Lario, femminista per un giorno solo

berlusconi lario c apdi Saverio Lodato
La corte d'appello di Milano ha stabilito che Veronica Lario non può più accampare pretese economiche nei confronti del suo ex marito, Silvio Berlusconi. 
Veronica Lario sta bene così come sta, disponendo di proprietà per 300 milioni di euro e di una liquidità di sedici milioni di euro che le assicureranno una vecchiaia serena, serenissima al quadrato, verrebbe da dire. I giudici la obbligano anche a restituire una quarantina di milioni. È il totale di quanto incassato mensilmente - un altro milione e quattrocento mila euro - dalla prima sentenza del febbraio 2014 a lei, invece, favorevole. Sono cifre abnormi, sia per chi le sborsa, sia per chi le riceve.
Sono cifre che gettano una luce accecante sulle disparità che esistono nel nostro paese, molto meglio di mille convegni di studio. 
Sono cifre che adesso una Corte d'appello decide drasticamente di ridimensionare, almeno in parte; visto e considerato che la Cassazione si è già espressa in tal senso, stabilendo che uno dei due coniugi, una volta che si è rotto il vincolo matrimoniale, non può pretendere che l'altro gli garantisca in eterno il precedente tenore di vita. Sopratutto se non esistono impedimenti - dimostrati - a svolgere una futura attività lavorativa. Come nel caso, a quanto pare, di Veronica Lario.
Sembrano principi dettati dal buon senso. E vale la pena ricordare che per milioni di divorziati in Italia, ben più miserevoli, se pur decisive per vivere, sono le cifre in ballo. Si dirà che i miliardari, da che mondo è mondo, ci sono sempre stati. 
Ma in questo caso, parliamo di due miliardari
fra i più ricchi del pianeta, la cui love story prima, e il clamoroso distacco dopo, per anni e anni, hanno fatto da minestrone riscaldato per i media di casa nostra.
Molti ricorderanno anche che Veronica Lario scrisse un editoriale su "Repubblica" per denunciare, con parole accorate, che le Vergini venivano date in pasto al Drago, che altri non era che lui, Silvio Berlusconi. 
Fu un gesto, quell'editoriale, di grandissimo valore simbolico e che ebbe un impatto enorme sull'opinione pubblica. E che piacque moltissimo, anche a sinistra.
Erano infatti gli anni in cui un gigantesco caravanserraglio di olgettine, escort, accompagnatrici, minorenni o maggiorenni che fossero, con relativo codazzo di procacciatori e paparazzi, popolavano le notti del bunga bunga dell'allora premier italiano. Finendo, il tutto, sui giornali di cinque continenti.
Con le sue parole a quel quotidiano, Veronica Lario svelò che, anche per lei, ormai il re era nudo. 
E dopo? E dopo cosa successe? La signora Lario, dall'oggi all'indomani, scomparve dai riflettori. Né si distinse mai più per essere paladina delle donne che subiscono violenze, ingiustizie, soprusi d'ogni tipo. 
Con una piccolissima quota del suo budget, forse, poteva almeno finanziare un centro antiviolenza o - perché no ? - magari saldare il debito che potrebbe causare la chiusura della Casa internazionale delle donne di Roma: 800 mila euro, bruscolini per la famiglia Berlusconi.
Invece, la sua parola, da tempo era passata agli avvocati, ai contabili, ai commercialisti. 
La sentenza sembra aver messo la parola fine a una storia che da tempo aveva smesso di essere "rosa". 
E che di "femminista", per la signora Lario, forse aveva ben poco. 
Comprendiamo oggi il suo disappunto per la sentenza sfavorevole. 
Ma non riusciamo a commuoverci.

Foto © AP

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La rubrica di Saverio Lodato

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...

LA MAFIA DEI PASCOLI

LA MAFIA DEI PASCOLI

by Nuccio Anselmo, Giuseppe Antoci

Milioni di euro guadagnati per anni in silenzio...


BLOODY MONEY

BLOODY MONEY

edited by Massimiliano Virgilio

Un sistema di corruzione politica che ruota intorno...

PROFONDO NERO

PROFONDO NERO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Erano gli anni Settanta. Il giornalista De Mauro...


CASAMONICA

CASAMONICA

by Nello Trocchia

È il 20 agosto 2015 quando per la...

UN'AVVENTURA SINDACALE

UN'AVVENTURA SINDACALE

by Anna Vinci

Figlia di madre nubile, nata e cresciuta in...


PECUNIA NON OLET

PECUNIA NON OLET

by Alessandro Da Rold

"Seguite i soldi, troverete la mafia".Giovanni Falcone"Se ‘Vituzzu’...

IN CULO ALLA MAFIA

IN CULO ALLA MAFIA

by Emanuele Cavallaro

È un testimone di giustizia. Che non è...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa